Associazione
Cattolici Genovesi

 



















Indice generale
del sito




Collegamenti
a siti consigliati




Home


Mail

 
 
   

 
Christus Vincit


Cattolici Genovesi

Cercare la Verità - Conoscere la Verità - Difendere la Verità


 

Questo sito Internet dal titolo si può rilevare l'intento di affermare nel campo della comunicazione una voce cattolica chiara e forte su ogni argomento che quotidianamente si presenta.
Molti sono i temi che intendiamo affrontare con semplicità e chiarezza in modo da essere compresi da tutti coloro che intendono abitualmente avere contatti.
Noi ci rivolgiamo a tutti e speriamo di fare di questo sito non solo un modo per trasmettere informazioni, idee ma, desideriamo che coloro che troveranno il nostro modo di affrontare gli argomenti di loro gradimento ci facciano conoscere le loro opinioni, ci inviino se credono materiale che in ogni caso verrà esaminato e se ne terrà conto successivamente. Anche per coloro che volessero farci una critica, speriamo garbata, sempre nell'ambito delle nostre possibilità cercheremo di rispondere in qualche modo.
La nostra aspettativa è quella di creare le premesse per favorire la crescita di un punto di riferimento, dando non solo a chi collabora di far conoscere le proprie idee ma anche ad altri a partecipare alla formazione di un centro di opinione. La vastità degli argomenti affrontati ci permettono di dare un'idea precisa della nostra visione delle cose che è e che deve essere sempre cattolica.
Non abbiamo la pretesa di far la predica a nessuno, né pretendiamo di giudicare gli altri migliori o peggiori di noi, la cosa non ci interessa, ma sulle idee, sui comportamenti esprimiamo sempre la nostra valutazione.
Spesse volte nel dire la verità forse qualcuno può esserne dispiaciuto, non è nostra intenzione offendere nessuno, ma ciò che riteniamo giusto non deve essere taciuto.
Chi siamo ? Siamo cattolici senza nessun aggettivo. Le tante classificazioni di cattolici molte volte sono riduttive, spesso devianti ed a volte sicuramente errate, per questo le rifiutiamo.
Apprezziamo i progressi della scienza e della tecnica ma riteniamo che il mondo presente non sia dominato esattamente da una visione cristiana; anzi, dall'esatto contrario. Molte delle cose che ci vengono gabellate come progresso, diritti umani o diritti di libertà siano esattamente il contrario; regresso, licenza e schiavitù. Chi avrà pazienza di seguirci capirà presto a cosa ci stiamo riferendo.
Un'ultima cosa, vogliamo ancora dire, in quanto cattolici noi non abbiamo né complessi di colpa per la storia passata né riteniamo di dover ricorrere ad altre istituzioni civili o religiose per poter essere cattolici. Ricerchiamo la verità ma, i fondamenti li conosciamo già con certezza senza bisogno di rivolgere la nostra attenzione altrove. Siamo fedeli alla Santa Romana Chiesa perché crediamo a tutti i dogmi così come ci sono stati proposti, seguiamo i comandamenti ed i principi morali da sempre stabiliti.

Il sito si articola in vari comparti dove trovano opportuna collocazione i vari argomenti. Chiunque sia interessato a partecipare è invitato a contattare i responsabili dei vari settori.


COME VISITARE IL SITO
la cosa più spiacevole è perdere tempo e farlo perdere agli altri. Pertanto, il modo più veloce per vedere i contenuti è quello di esaminare per primo
L'INDICE GENERALE DEL SITO
Se troverete qualcosa di interessante, potrete poi entrare nei singoli settori.
Grazie per la scelta.
 

Rino Tartaglino           


 
 

___________________________________

(cultura)

Foglio per comunicazione ai soci
___________________________________
- 15/11/17
(Cultura - Scienza - Fede)
_____________________________________
- 19/11/17
(Cultura - Scienza - Fede)
____________________________________
- 25/11/17
(Politica - Economia - Costume)
____________________________________
- 26/11/17
(Politica - Economia - Costume)
__________________________________________
- 20/5/2005
(Difesa della Vita)
I CATTOLICI SI ASTENGONO SUL VOTO DEL REFERENDUM - Volantino

____________________________________________
- 31/5/2005
(Progetto Europa)
L'EUROPA E LA GEOPOLITICA AMERICANA - Chi domina il blocco eurasiatico-africano domina il mondo

____________________________________________

- 30/9/2005
(Una voce)
TORNIAMO ALLA MESSA IN LATINO - A seguito della Messa in "zeneize" una lettera di Francesca Poluzzi

____________________________________________

- 15/4/2006
(Difesa della vita)
DONARE GLI ORGANI E MORTE CEREBRALE
Le cose da sapere di Carlo Barbieri
_____________________________________________

S. MESSA IN LATINO
(rito romano antico)

DOMENICHE E FESTE DI PRECETTO

ORE 9,30

CHIESA DI S. STEFANO
(sopra) Via XX Settembre - GENOVA - Tel. 010.58.71.83

ASS. UNA VOCE - GENOVA

___________________________________
_______________________________


- 30/1/2008
(vita)
WELBY E IL PENSIERO CATTOLICO
Condanna dell'eutanasia di Carlo Barbieri
___________________________________

- 30/1/2008
(vita)
WELBY: RIFIUTO DI CURE O EUTANASIA? (parte I)
Considerazioni giuridiche sul caso Welby del prof. Paolo Becchi
___________________________________


- 3/4/2008
(vita)
MORTE CEREBRALE E TRAPIANTO DI ORGANI
Libro del Prof. Paolo Becchi - recensione del Dott Carlo Barbieri
___________________________________

- 3/4/2008
(vita)
LA MORTE CEREBRALE E' LA FINE DELLA VITA?
relazione della Dott. Rosangela Barcaro
___________________________________

- 8/7/2008
(vita)
INFORMAZIONE
La disinformazione sui problemi dei trapianti può essere colmata da alcune letture - consigli del Dott Carlo Barbieri
___________________________________

- 20/11/2008
(vita)
Il nuovo regolamento sulle modalità per l'accertamento e la certificazione della morte. Primi rilievi critici.
del Prof. Paolo Becchi
___________________________________

- 1/10/2009
(vita)
La biopolitica non ammette la libertà di coscienza
Prof. Paolo Becchi
___________________________________
- 30/10/2009
(Archivio)
CATTOLICI GENOVESI - N° 2 novembre 2009

___________________________________

- 30/10/2009
(Incontro)
CATTOLICI GENOVESI - N° 2 novembre 2009

___________________________________

- 10/1/2012
(vita)

___________________________________

- 20/1/2012
(voce)

___________________________________

- 20/1/2012
(Politica - costume - società)

___________________________________

- 19/2/2012
(Cultura)

___________________________________

- 1/1/2013
(una voce)
___________________________________

- 7/1/2013
(vita)

___________________________________

- 7/1/2013
(voce)

___________________________________

- 17/3/2013
(Politica - costume - società)

___________________________________

- 17/5/2013
(voce)
___________________________________

- 21/12/2014
(Cultura)

___________________________________

- 23/6/2015
(Vita)
_________________________________________

_________________________________________
12 Novembre 2017            Informazioni            N° 46
_________________________________________
      Foglio di comunicazione interna
www.cattolicigenovesi.org
_________________________________________
Il Papa se entusiasma i cattolici noi siamo contenti. Il Papa, se entusiasma anche eretici, anticlericali, massoni, ebrei e pagani; siamo preoccupati.

Anonimo

_________________________________________
SANTI E BEATI

BEATO GIOVANNI DUNS SCOTO Festa 8 novembre
Nacque tra il dicembre 1265 e il marzo 1266, in Scozia da cui il soprannome «Scoto». La città natale, Duns portava lo stesso nome della sua famiglia. Sin da bambino entrò in contatto con i francescani, di cui tredicenne iniziò a frequentare gli studi conventuali di Haddington, nella contea di Berwich. Terminati gli studi in teologia si dedicò all'insegnamento prima a Oxford, poi a Parigi e Colonia. Qui, su incarico del generale della sua Congregazione doveva fronteggiare le dottrine eretiche, ma riuscì a dedicarsi solo per breve tempo all'impresa. Morì infatti pochi mesi dopo il suo arrivo, l'8 novembre 1308. Giovanni Duns è considerato uno dei più grandi maestri della teologia cristiana, nonché precursore della dottrina dell'Immacolata Concezione. Giovanni Paolo II lo ha proclamato beato il 20 marzo 1993
__________________________________________________________________________
EDITORIALE
LA MESSA ECUMENICA È FUORI DELLA REALTA’

«Quando la Messa sarà stata rovesciata, io sono convinto che avremo rovesciato con essa il papismo (cattolicesimo)».

Martin Lutero

Per Messa ecumenica si intende la celebrazione della Messa di sacerdoti cattolici con la partecipazione di rappresentanti di altre confessioni religiose cristiane.
Il gruppo "Spezzare il pane" nell'arcidiocesi di Torino ha ufficialmente iniziato con la celebrazione di "messe ecumeniche" in cui la Comunione è distribuita a Cattolici e non Cattolici. Il gruppo è guidato da padre Fredo Oliviero, un apologista dell'immigrazione illegale, che ha il sostegno dell'arcivescovo, Monsignor Cesare Nosiglia. La pratica del gruppo di distribuire la Comunione ai non Cattolici è apertamente promossa nel giornale dell'arcidiocesi di Torino "La Voce e il Tempo". Tra i membri del gruppo ci sono "Cattolici", anglicani, battisti, valdesi e luterani. Si incontrano una volta al mese in una delle loro chiese, dove celebrano una "Eucarestia" secondo le rispettive confessioni, distribuendo la "Comunione" a tutti. L’esempio di Torino non è il solo.
A partire dal 5 Novembre, a Roma, è iniziata ufficialmente la “messa ecumenica” a due passi da San Pietro. Da Santa Marta è partito proprio nei giorni scorsi un “invito” non ufficiale alle suddette Comunità, di “organizzarsi” (dato che è proprio del loro stile essere pionieri di innovazioni ecclesiali) per dare inizio insieme ai luterani a sperimentare la “messa ecumenica”. Secondo alcuni analisti, questi abusi sono raccomandati dall’Alto vista la mancanza assoluta di interventi e divieti. Siamo abituati che la prassi precede la norma, come dice la canzone “per vedere l’effetto che fa”. La prima osservazione che possiamo fare riguarda la Comunione a persone che non condividono la Fede Cattolica e non sappiamo se sono in grazia di Dio, sarebbe un grave peccato, una profanazione dell’Eucarestia. la Congregazione per la Dottrina della Fede è stata di fatto esautorata, non essendo stata autorizzata a pronunciar parola sulle divisioni in atto a motivo dell’interpretazione di Amoris Laetitia (il Cardinale Gerhard L. Müller non fu nemmeno invitato alla presentazione del documento, vista la preferenza accordata ai cardinali C. Schönborn e Lorenzo Baldisseri), la Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti non gode di miglior prestigio. La quinta istruzione per la retta applicazione della Costituzione sulla liturgia del Vaticano II, Liturgiam Autenticham (LA). Questo testo fondamentale è poco gradito non solo per i criteri di traduzione indicati, ma anche perché ribadisce e rafforza la necessità della recognitio dei testi liturgici approvati dalle conferenze episcopali: «Questa recognitio non è tanto una formalità quanto un atto della potestà di governo, assolutamente necessario (in caso d'omissione, infatti, gli atti delle conferenze dei vescovi non hanno forza di legge), che può comportare delle modifiche, anche sostanziali. Notizia ripetuta da più siti cattolici che riportiamo col condizionale. Sarebbe stata formata una commissione mista di cattolici, luterani e anglicani legata al segreto sarebbe al lavoro, per mettere a punto una forma di messa a cui possano partecipare i fedeli di tutte e tre le confessioni cristiane. Non si parla di ortodossi. Non sembra che ci sia un qualche documento scritto; saremmo a livello di appunti verbali. Forse a questa iniziativa si possono collegare gli apprezzamenti favorevoli alla riforma luterana da parte del Papa o come ha sentenziato il cardinale Galantino: “la riforma luterana evento dello Spirito Santo”.
L’enciclica Mediator Dei definisce la Liturgia come segue:
“La sacra Liturgia è pertanto il culto pubblico che il nostro Redentore rende al Padre, come Capo della Chiesa, ed è il culto che la società dei fedeli rende al suo Capo e, per mezzo di Lui, all'Eterno Padre: è, per dirla in breve, il culto integrale del Corpo mistico di Gesù Cristo, cioè del Capo e delle sue membra”. E in particolare la Santa Messa è così definita:
“La Santa Messa è l’unico Sacrificio della Nuova Alleanza, cioè lo stesso Sacrificio della Croce, reso presente sotto i segni Sacramentali; in esso, insieme con Cristo, anche la Chiesa offre ed è offerta. Il Sacrificio della Messa è il Sacrifico stesso della Croce; solo che c’è differenza nel modo di compierlo. (Dal Catechismo di S. Pio X)
Conclusione: per quanti contorcimenti verbali e teologici si vogliano adottare, la messa ecumenica non si può fare. I luterani non credono che la Messa sia un Sacrificio, non credono alla transustanziazione e hanno abolito il sacerdozio. Per quanto riguarda gli anglicani: « La transustanziazione nella cena del Signore non può essere provata dalle Sacre Scritture, ma è contraria alle parole inequivocabili della Bibbia, fraintende la natura del Sacramento ed ha fornito un pretesto per originare numerose superstizioni. Il corpo di Cristo è donato, ricevuto e assunto nella Cena unicamente in maniera mistica e spirituale e il modo con il quale il Corpo di Cristo è donato, ricevuto e assunto nella Cena è solo materia di fede » (articolo XXVIII della Chiesa Anglicana)
La questione della validità degli Ordini anglicani, sono dichiarati del tutto invalidi e nulli da Papa Leone XIII nella Bolla Apostolicae curae (1896). Ma anche se vi sono state delle aperture; il passaggio di anglicani a sacerdoti cattolici vi sono due casi: consacrazione di un prete anglicano ordinato in modo assoluto; ed altre sub conditione 'si non es iam valide ordinatus' (“se non sei già stato validamente ordinato”). Quindi, di certo vi è solo la Bolla di Leone XIII. Inoltre, negazione del ruolo della Madonna e dei Santi, i matrimoni gay, il sacerdozio femminile sono le ulteriori cause che impediscono la comunione con gli anglicani.
Per quanto detto sopra, alla luce della semplice logica corrente, la messa ecumenica non ha alcuna ragione d’essere. Si avvererebbe l'aspettativa di Lutero.

Rino Tartaglino

_______________________________

ILLUSTRAZIONI: Quadro di Giovanni Gasparro: San PIO V e San Carlo Borromeo condannano Maometto e Lutero.
_______________________________

LO SPIRITO SANTO È IL SIGNORE E DA’ LA VITA
Credo nello Spirito Santo, che è il Signore e dà la vita, e procede dal Padre e dal Figlio. Con il Padre e il Figlio è adorato e glorificato ed ha parlato per mezzo dei profeti.

(dal Credo Niceno-Costantinopolitano che abitualmente ascoltiamo e professiamo a Messa)

“Lo Spirito Santo è Signore e dà la vita”. Quindi è Dio. Egli presiede alla Creazione ed allo sviluppo dell’esistente e dà la vita alla nostra Terra. Lui ci dona la vita fisica, quella spirituale e quella intellettiva. Alcuni suoi doni (per eccellenza l’Eucarestia) sono propri ai figli della Chiesa, altri son per tutti i viventi. Noi figli possiamo con piena consapevolezza dire: “grazie”. Noi siamo chiamati ad accogliere i doni, noi siamo tenuti a conservarli e svilupparli per quanto dipende dalla nostra umile cooperazione. Lo Spirito Santo ci viene donato dal Padre e dal Figlio. Non ci sono tre Divinità ma un solo Dio in tre persone uguali e distinte. Lo Spirito Santo – purché non respinto e no silenziato dalla nostra ribellione – abita in noi e ci accompagna con la sua amorevole sollecitudine tutta la vita. La potenza misericordiosa del Padre, quella guaritrice del Figlio, si manifestano attraverso la sua azione benefica. Tramite Lui ci raggiunge l’amore reciproco del Padre e del Figlio ed il loro amore per noi. “Lo Spirito Santo ha parlato per mezzo dei profeti”, prima Gesù ci ha fatto conoscere Dio Padre, ci ha rivelato che un uomo sofferente si sarebbe caricato delle nostre colpe, sarebbe venuto per la nostra salvezza. Il profeta ci annunciava la volontà di Dio e tali siamo anche noi se lo facciamo. Lo Spirito Santo rende certissimo ed entusiasmante l’annuncio del Vangelo. Lui dà fierezza se camminiamo in direzione opposta all’ignoranza e alla cattiveria che sono le malattie del nostro tempo. Lui ci toglie ogni incertezza ed ogni sgomento dandoci determinazione, pur nella nostra debolezza per riportare l’Italia a Dio.

Renzo Mattei

_______________________________
6/11 - ELEZIONI SICILIANE: Il centrodestra al 39,5% è la prima coalizione. il M5S segue col 35% ed è il primo partito. La coalizione del Pd al 16% e la sinistra 9%. Il presidente della Regione è Nello Musumeci del centrodestra. Il Pd ammette di aver perso.
Percentuali che potrebbero ripetersi anche alle politiche di primavera.

6/11 - PARADISI FISCALI: Tra i proprietari dei conti nei paradisi fiscali si scopre che ci sono personaggi della sinistra ma anche della destra molti dei quali, sempre pronti a fare la morale, cioè cosa dovremmo fare per essere buoni cittadini. Tra coloro che hanno portato i soldi alle Cayman vi è anche la Regina Elisabetta II.
Tutti i personaggi scritti negli elenchi delle Cayman hanno tutti in comune una cosa; tanti soldi da mettere al riparo dalle tasse. Noi non abbiamo questi problemi.
_______________________________


6/11 - ALWALEED ARRESTATO: L'erede al trono dell'Arabia Saudita, Mohammed bin Salman che governa il Paese ha fatto arrestare 11 principi di Casa Reale e 38 ministri. L'accusa è di corruzione. Tra gli arrestati vi è anche il miliardario Alwaleed ben Tahal (foto), uno degli uomini più ricchi del mondo con investimenti in varie parti del mondo. La Casa Bianca approva la scelta del principe che vuole costruire nella regione un Paese moderato, pacifico, tollerante; termine essenziale per un futuro non dipendente dal solo petrolio. Secondo James Dorsey dell'Università di Singapore, analista esperto di questioni mediorientali, il principe Mohammed bin Salman usa il pugno di ferro anche sulla famiglia reale per evitare ogni opposizione alle sue riforme per la modernizzazione ed alla guerra che l'Arabia Saudita sta conducendo nello Yemen contro gli Huti di religione sciita alleati dell'Iran.
Il principe Mohammed bin Salman vuole rafforzare il suo potere ed eliminare possibili antagonisti. La lotta alla corruzione che pure esiste è una buona motivazione politica.
____________________________

7/11 - MANIFESTO LAICISTA: Il libro di Mauro Biglino e Lorena Forni dal titolo "La Bibbia non l'ha mai detto", casa editrice Mondadori, come recita il titolo ha la pretesa di essere un vero manifesto laicista. La tesi sostenuta da questo libro è semplice: "La legge di Dio non deve diventare la legge degli uomini". Il perché lo spiegano gli autori, e bisogna fidarsi anche se il libro è contro il fideismo. "Le leggi italiane sono imbevute di cultura cattolica. i dogmi confessionali continuano a influenzare le norme che dovrebbero regolare in modo laico il patto sociale". Il tutto è reso "ancora più assurdo dal fatto che la Bibbia non dice niente in proposito a quello che comunemente si pensa". In pratica la Bibbia non insegna niente essendo una specie di zibaldone che contiene di tutto. Lo stesso Gesù è semplicemente "un capo di un gruppo mantenuto da donne ricche e protagonista di un progetto messianico ebraico miseramente fallito". Quindi, liquidata la Bibbia sono ritenuti validi solo argomenti di carattere empirico razionale, e viene pertanto, negata legittimità a posizioni che asseriscano l'esistenza di pretesi valori "non negoziabili".
La pretesa di questo libro è quella di cancellare il cristianesimo e con esso i principi morali in esso contenuti. Qual è il risultato? Una società atea e nichilista dove viene negata la spiritualità dell'uomo e favorita ogni licenza.
________________________________
7/11 - I NUOVI FARISEI: Quante volte abbiamo sentito dire dai grillini "noi non siamo come gli altri, noi siamo onesti". Altra categoria: i progressisti, a sentire loro sono europeisti, democratici e moderni mentre gli altri sono populisti cioè dei demagoghi. L'Espresso dice di dare "voce all'Italia migliore" che sarebbe rappresentata dalle idee del suo proprietario.
Ognuno fa bene a sostenere le sue idee ma vantarsi di essere migliore degli altri è cosa fastidiosa e sospetta di essere falsa. Lasciamo agli altri definire se il soggetto è onesto o addirittura migliore. Il rischio di essere smentito dai fatti in politica è molto frequente.

7/11 - PROGRAMMA: Nelle elezioni siciliane il centrodestra ha vinto, il quotidiano LaVerità titola: "A Lega e Fi manca solo un dettaglio: scrivere un programma nazionale".
Siamo perfettamente d'accordo. Gli italiani vogliono poter scegliere il partito che ha un programma accettabile e credibile. La carriera delle persone non interessa.
____________________________

8/11 - TRUMP IN ASIA: E' iniziato il viaggio di Trump in Asia cominciando dal Giappone poi ha toccato la Corea del Sud, oggi la Cina, poi il Vietnam e le Filippine. I problemi da affrontare riguardano l'armamento nucleare della Corea del Nord, il sostegno dei Paesi asiatici dall'invadenza cinese ed i rapporti commerciali. Dopo le minacce alla Corea del Nord, adesso gli Stati Uniti invitano Kim Jong Un a negoziare. Secondo la diplomazia Usa ci sarebbero dei progressi con la Corea del Nord. Trump a Seul ha avuto una buona accoglienza dal governo ma vi sono state anche manifestazioni contrarie da parte dei pacifisti. Oggi Trump arriva in Cina dove chiede a Xi Jinping di intervenire diplomanticamente sulla Corea per arrivare ad un negoziato sugli armamenti e nello stesso tempo negoziare qualche trattato commerciale. Più agevoli saranno gli accordi con il Vietnam e le Filippine che hanno bisogno degli Usa per far fronte alle pretese cinesi su alcune isolette dei due Paesi asiatici.
Buoni risultati con Giappone, Corea del Sud, Vietnam e Filippine Per quanto riguarda la Cina, gli interessi con gli Usa sono opposti quindi non si va oltre a qualche trattato commerciale. Con la Corea del Nord tutto viene svolto dalla diplomazia segreta e per questo non ci sono previsioni.
____________________________
8/11 - AVANTI E INDIETRO: Con la Fornero hanno allungato l'età per andare in pensione. Poi hanno inventato l'Ape per chi vuole andare in pensione prima ma a sue spese. Adesso hanno portato la pensione a 67 anni ma con la scusa dei lavori usuranti alcune categorie potrebbero andare in pensione prima
L'intenzione è quella di ridurre le pensioni ma non sanno coe fare e allora quasi ogni anno fanno un ritocchino al ribasso che in minima parte viene aggiustato in senso contrario per evitare che vi siano troppe proteste.

8/11 - IUS SOLI E FINE VITA: Il Pd di Renzi esce da una serie di sconfitte elettorali che mettono a dura prova il partito alle prossime elezioni politiche. A questo punto Renzi per togliere pretesti alla sinistra e recuperare consensi, vuole far approvare anche con la fiducia le leggi sullo ius soli e sul Fine vita.
Renzi vuole recuperare il consenso a sinistra facendo qualcosa di sinistro.
_____________________________________

9/11 - UNIONI CIVILI: La legge sulle unioni civili voluta fortemente da Renzi e compagni si è rivelata un vero e proprio flop dal punto di vista dei numeri (meno di 3.000 in un anno), è altrettanto vero che i frutti avvelenati che essa inevitabilmente produce, costituiscono un ulteriore, grave attacco alla famiglia tradizionale: nella prima bozza del nuovo contratto degli statali le unioni civili valgono come i matrimoni per quel che concerne i permessi e i congedi. Tale novità è contenuta nella proposta fatta dall’Aran (Agenzia per la rappresentanza negoziale della pubblica amministrazione) ai sindacati, al fine di “assicurare l’effettiva tutela dei diritti e il pieno adempimento degli obblighi derivanti dall’unione civile tra persone dello stesso sesso“, come previsto dalla legge del 2016. I conviventi potranno così godere, tra l’altro, dei 15 giorni di stop retribuito riconosciuti per le nozze. Le leggi ingiuste, ossia quelle norme del diritto positivo che contraddicono in toto, o anche solo in parte, la legge naturale e divina, vengono introdotte col fine apparente di salvaguardare i presunti diritti di qualche minoranza; nella realtà con l’intento di scardinare la famiglia naturale. Non sorprende dunque il fatto che il numero delle persone che scelgono di convolare a giuste nozze sia in netto calo un po’ dappertutto, soprattutto in quelle società che, complice l’avanzato processo di scristianizzazione, più di altre tendono a ridurre il matrimonio ad una semplice formalità. Anche all’interno della Chiesa si è fatta strada l’idea che sia necessario adattare la dottrina sul matrimonio agli evidenti cambiamenti avvenuti nella società civile negli ultimi decenni, secondo una logica che scambia, appositamente, le cause con gli effetti.
Errore chiama errore, è uno dei principi su cui si fonda la rivoluzione per distruggere la civiltà cristiana, che si basa invece, sul riconoscimento della verità integrale sull’uomo.
_____________________________________

9/11 - OMOFOBIA: L'emergenza omofobia è un'invenzione dei giornali. In media le denunce sono 12 all'anno. Quanto a segnalazioni di aggressioni a trans e gay dall'inizio dell'anno sono 13. Eppure, la grande stampa imbeccata dalle associazioni gay alimenta l'allarmismo.
Se non vi fosse la fastidiosa esibizione dell'omosessualità, il problema sarebbe del tutto ignorato dalla stragrande maggioranza dei cittadini. Tutta la problematica sarebbe ristretta nei loro circoli.

9/11 - GRADIMENTO: Quasi tutti i partiti prima delle elezioni vanno a ricevere il gradimento dagli Usa, da Israele e adesso anche dalla Russia. Adesso tocca al M5S. Di Battista e Di Stefano incontrano Sergej Zheleznyak capo dei giovani putiniani. A giorni Di Maio andrà negli Stati Uniti per lo steso motivo. Dire che l'eventuale vittoria alle elezioni del M5s non sarà contrario ai loro interessi.
Il servilismo dei nostri partiti inizia dalla fine della II Guerra Mondiale.
_____________________________________

10/11 - AUTO ELETTRICHE: Un nuovo affare per i produttori di automobili, sono le auto elettriche. La scusa è che le auto a benzina inquinano mentre le auto elettriche no. Nella realtà l'energia elettrica viene comunque prodotta utilizzando carburanti. Quindi nell'atmosfera l'inquinamento sarà lo stesso.
Tutti i problemi dell'inquinamento vengono risolti quando si trova qualche buon affare da realizzare. In questo caso facendo comperare macchine a prezzi più elevati.

10/11 - DIVIETO VATICANO: Dal gennaio 2018, in Vaticano sarà proibita la vendita delle sigarette. "Nessun profitto può essere legittimo se mette a rischio la vita delle persone" così ha detto il direttore della Sala stampa vaticana, Greg Burke.
Per qualcuno è l'occasione per smettere di fumare, gli altri vanno a due passi da Via della Conciliazione e comprano le sigarette a prezzo maggiorato. Consigliare ai cittadini a non fumare è cosa saggia.
_______________________________
L’ITALIA PALLONARA
HA PERSO LA GARA

La squadra del calcio
ha perso lo slancio.
Ha sempre attaccato
non ha mai segnato.
Così è avvenuto,
che a tempo scaduto,
l’Italia sfortunata
non si è qualificata.
Il campionato mondiale
si vede dallo stivale.
Con gran dissapore
si guarda nel televisore,
gli altri a giocare
e poi festeggiare.
Si cercan i colpevoli
di tanto disastro,
non siamo malevoli
di questo incastro.
Cambiare i giocatori
oppure i preparatori?
Se L’allenatore è vecchio
il presidente è Tavecchio
Qui si deve già cambiare
perchè tutto è da rifare.
_____________________________________

10/11 - BANCA D'ITALIA E CONSOB: Sulla crisi delle banche scambio di accuse tra la Consob e la Banca d'Italia(BdI) davanti alla Commissione di inchiesta sulle banche. Prima è stato ascoltato Angelo Apponi, direttore generale della Consob, organo di controllo del mercato finanziario. Poi è stato il turno di Carmelo Barbagallo, capo della vigilanza di Banca d'Italia. Ieri sono stati ascoltati nella veste di testimoni. Apponi ha detto che nel 2013 arrivarono dalla BdI informazioni incomplete per la valutazione dell'aumento di capitale di Veneto Banca e nessuna informazione sul prezzo delle azioni della Popolare di Vicenza. Carmelo Barbagallo di BdI afferma l'esatto contrario. I dati forniti alla Consob erano più che sufficienti per far scattare l'allarme.
Il solito rimpallo di responsabilità; in ogni caso la vigilanza non è stata adeguata di conseguenza, non sono stati presi provvedimenti.
_____________________________________

11/11 - PERCHE' IO VALGO: La sindrome di Down è considerata una condizione genetica per cui nel nucleo di ogni cellula, invece di 46 cromosomi, ce ne sono 47. Di solito c'è un cromosoma 21 in più. In un libro scritto da Roberto Volpi dal contenuto sconvolgente titolato "La sparizione dei bambini Down", si spiega come su 100 casi diagnosticati all'indagine prenatale con la sindrome di Down, in Europa nascono solo 11 bambini, gli altri sono abortiti. Paesi come l'Islanda gli aborti sono vicini al 100%; ln Danimarca 98%, Francia 77% (sono dati del 2015). Negli Usa dove gli aborti nei casi della sindrome di Down sono il 67%, un giovane ha parlato di fronte al Congresso perorando la sua causa: "Sono un uomo con la sindrome di Down e la mia vita vale la pena di essere vissuta. Ho una vita grandiosa". Ai fanatici dello sterminio, Frank Stephens (foto) dà una risposta decisa e straordinaria nel suo intervento: "In primo luogo siamo un dono medico alla società, un modello per la ricerca sul cancro, Alzheimer e problemi del sistema immunitario. In secondo luogo, siamo una fonte potente di felicità: uno studio di Harvard ha scoperto che le persone con la sindrome di Down, così come i loro genitori e fratelli, sono più felici rispetto al resto della società.(...) Quindi stiamo aiutando a sconfiggere il cancro e Alzheimer e rendiamo il mondo un posto più felice Non c'è davvero posto per noi nel mondo?" Senza nemmeno una lacrima sul viso di Frank ma con fierezza conclude: "Facciamo in modo di essere l'America e non l'Islanda o la Danimarca". La testimonianza ha commosso tanti americani; infatti, la sua testimonianza spopola sul web.
Le parole di questo giovane ci fanno capire chi sono queste persone e speriamo servano a salvare vite umane.
_____________________________________
11/11 - INDAGATO: Nuovo scandalo in Sicilia. Dopo l'arreto di De Luca, finisce nei guai un altro neo-deputato: Edmondo Tamajo che sosteneva Fabrizio Micari (Pd), è accusato di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione elettorale: "Ha comprato voti pagandoli 25 euro l'uno".
Finalmente sappiamo quanto vale un voto i Sicilia. Prima è stato arrestato uno del centrodestra, adesso è indagato uno del Pd, se aspettiamo un po' acchiappano anche un grillino così avremo la prova che i partiti si assomigliano tutti; anzi sono quasi uguali.

11/11 - TARI GONFIATA: La Tassa sui rifiuti solidi di solito aumenta di anno in anno e quindi agli aumenti siamo rassegnati. Di recente si è scoperto che vi sono stati errori nel calcolo per cui in molti Comuni, negli ultimi 5 anni vi è stato un aumento che ha determinato pagamenti di cifre non dovute da parte di milioni di cittadini. Fiscalisti studiano come fare per ottenere i riborsi delle cifre non dovute.
Siamo convinti che non ci saranno rimborsi. Per il futuro, a seguito del probabile ricalcolo qualcuno pagherà di meno mentre altri dovranno pagare di più; così i Comuni avranno le stesse entrate di prima.
_____________________________________


12/11 - FUGA DA RAQQA: Una trattativa in piena regola, che ha visto incontri, patti, mezzi e logistica, una colonna lunga più di sei chilometri composta da pullman che hanno portato via dalla città e dai dintorni centinaia di terroristi con le proprie famiglie: circa quattromila persone. Di cui moltissimi armati fino ai denti e ora sono liberi di andare dove vogliono, a colpire dove vogliono. Com'era la storia che il rischio dei terroristi di ritorno era quasi zero e che noi contro Isis abbiamo vinto? Un mare di bugie, senza fine. E sapete come ha fatto la Bbc a conoscere che tutto questo è accaduto? Gli autisti dei pullman avevano ricevuto promessa di essere pagati parecchio per fare questo trasbordo epocale, ma alla fine nessuno gli ha dato un soldo e dunque, per vendetta, hanno raccontato tutto alla stampa. Uno sporco segreto ha titolato qualche giornale. Io lo definirei più una tardiva e colpevole presa di coscienza, visto che di una certa 'benevolenza' verso i foreing fighters e gli jihadisti in genere si sapeva da tempo. Come si fa a rimanere scandalizzati di fronte al tacito accordo fra curdo-siriani e Isis, avallato da Usa e alleati, per far scappare i terroristi da Raqqa? E come si fa a non essere d'accordo con la Russia che dice (non da oggi) che gli Usa e i loro degni compari fanno finta di combattere l'Isis mentre in realtà ne aiutano i miliziani?
L'obiettivo era di abbattere Assad per fare della Siria un Paee governato da un governo fantoccio con una politica compiacente verso l'Occidente; quindi, terroristi di vario genere erano utili a questo scopo. L'intervento della Russia ha fatto saltare i piani. Adesso gli americani hanno consentito ai terroristi di fuggire da Raqqa. I terroristi possono sempre servire o forse, possono se catturati dichiarare chi sono i loro sponsor.
_____________________________________
12/11 - CONCLUSIONI RIDICOLE: La Commissione parlamentare sul sistema di accoglienza della Camera ha prodotto una relazione sulla tutela della salute dei migranti dalla quale risulta che i migranti sono persone in condizioni di salute più che buone alla partenza talmente buone da essere tendenzialmente migliori di quelle delle popolazioni dei luoghi di arrivo. In pratica i migranti si ammalano qui e per colpa nostra.
Se queste relazioni non fossero di tipo politico dovremmo dubitare dell'intelligenza di questi parlamentari. Basta confrontare il sistema sanitario dei Paesi subsahariani con quello italiano per rendersi conto che certe affermazioni sono ridicole.

12/11 - CONTRO IL GENDER: L'autobus della famiglia è libero. L'istituto di autodisciplina pubblicitaria (Iap) ha riabilitato la campagna di promozione del tour del bus della libertà di Citizen-Go-Generazione famiglia: "La campagna pubblicitaria non è offensiva, né ambugua o discriminatoria ". Questa decisione non era scontata in quanto, inizialmente, l'Authority investita della questione dal ministero delle Pari opportunità si era espressa in maniera negativa e aveva intimato agli organizzatori di "sospendere la campagna di affissioni perché contraria alla dignità umana delle persone transgender". Ora è arrivata l'assoluzione ed il bus può andare in giro a dire che "i bambini sono maschi e le bambine sono femmine". E a difendere la libertà di educazione delle famiglie italiane.
Nel degradato mondo attuale bisogna lottare per poter dire le verità anche le più elementari.
_____________________________________

ANNOTAZIONE
POLONIA E UNGHERIA CONTRO LO STRAPOTERE UE

La manifestazione che ha riunito a Varsavia gruppi di estrema destra da tutta Europa in occasione delle celebrazioni per l’indipendenza della Polonia di ieri è diventata l’ennesimo pretesto per riproporre il cliché di un’Europa orientale dominata da forze sovraniste, come quelle che esprimono l’attuale governo polacco, determinate ad alimentare un clima di razzismo, ultranazionalismo e islamofobia funzionale a consolidare l’autoritarismo che esse hanno iniettato nel sistema politico. Ha scritto il Financial Times: «Non ci devono essere dubbi su quello che il governo polacco sta facendo. Seguendo l’esempio di Trump negli Stati Uniti e di Viktor Orban in Ungheria, sta aprendo uno spazio per la politica di estrema destra mentre finge neutralità, spingendo in questo modo il centro di gravità politica decisamente verso destra». L’unico argine all’autoritarismo degli Orban e dei Kaczynski (l’uomo forte del partito Giustizia e Diritto al potere in Polonia) sarebbero gli standard politici e giuridici fissati dall’Unione Europea, non a caso bersaglio di molte tirate polemiche dei due leader appena citati, La crescita del consenso alle destre è sempre dovuto al malgoverno di regimi moderati e spesso anche corrotti. Se all’inizio l’Ue era una speranza un elemento di pace tra i popoli europei adesso è diventata una camicia di forza che ci impone tanti obblighi che peggiorano le condizioni economiche dei Paesi europei con l’impoverimento della maggior parte dei cittadini anche nei Paesi con una discreta crescita economica. Ai Paesi dell’Est vogliono rifilare milioni di migranti e su questo non sono d’accordo, L’Ue vuole togliere ai popoli europei le loro identità e cancellare il cristianesimo per sostituirlo con il laicismo ateo. Le ricchezze dei Paesi europei sono alla mercé della speculazione finanziaria straniera sempre con il beneplacito dell’Ue. Mentre noi italiani siamo rassegnati perché convinti che i signori di Bruxelles siano meglio dei nostri governanti, i Polacchi ed ungheresi invece, che escono da recenti dittature comuniste hanno deciso di resistere non all’Europa ma allo strapotere dell’Ue.
_____________________________________
ULTIMA ORA: Per mantenere le istituzioni europee l'Italia dovrà versare di più ogni anno. Contributo del 2017 17,8 Mld di euro; 2018 17,850 Mld di euro; 2019 18 Mld di euro; 2020 19,1 Mld di euro.
Tutto questo per andare a stare peggio.
_____________________________________

IL LIBRO DELLA SETTIMANA
IL VERO VOLTO DELL'IMMIGRAZIONE
La grande congiura
contro l'Europa

di Giuli Valli
Ed. Civiltà - Brescia
Un primo consistente indizio per sapere dove andassero cercati i meno occulti promotori di questo grandioso fenomeno ci fu offerto da un articolo apparso sul quotidiano «Alto Adige» del 10 agosto 1989, dal titolo: «Ondata di immigrati africani». Vi si riferiva l’intervista col presidente degli ambulanti trentini aderenti alla «Confesercenti», il quale, tra l’altro, dichiarava: «si calcola che nei prossimi anni, 30-40 milioni di africani verranno in Europa, e i governi centrali, su direttive dell’ONU, hanno affidato a Italia, Spagna e Grecia il peso maggiore. Sembra che l’Italia, nella spartizione internazionale, debba farsi carico dell’immigrazione senegalese, e si stima in 5 milioni la dimensione numerica: quasi una persona ogni dieci italiani» Dunque l’ONU veniva indicata come la centrale da cui è partito l’ordine che è alle origini di questa vicenda e le si attribuiva un preciso programma che non potrà non incidere in maniera sconvolgente sul prossimo avvenire del popolo italiano, i cui destini, al di là dell’amena tavoletta della sovranità popolare, evidentemente sono in mano di lontani e sconosciuti padroni. Successive ricerche confermano che la pista era quella giusta: l’Italia, con la legge 10 aprile 1981 n.158, ha ratificato la convenzione n.143 del 1975 della Organizzazione Internazionale del Lavoro (uno degli organi dell’ONU), recante il titolo: «sulle migrazioni in condizioni abusive e sulla promozione della parità di opportunità e di trattamento dei lavoratori migranti». Da qui si vede che già almeno dall’ormai remoto 1975 si venivano addensando sul capo degli ignari italiani fosche nubi foriere di tempesta. In obbedienza a quei patti, il Governo nazionale proponeva e il Parlamento approvava la legge 30.XII.1986 n.943 che sin da allora garantiva (art.1) «a tutti i lavoratori extracomunitari parità di trattamento e piena eguaglianza di diritti rispetto ai lavoratori italiani», nonché il godimento “dei servizi sociali e sanitari” e il diritto “al mantenimento dell’identità culturale, alla scuola e alla disponibilità dell’abitazione”. E all’art.2 prevedeva, proprio come riferito dal citato articolo dell’”Alto Adige”, “accordi bilaterali e multilaterali previsti dalla convenzione dell’OIL n.143 del 24 giugno 1975…per disciplinare i flussi migratori» Si aprivano, insomma, fin da allora – in nome di una convenzione dell’OIL, e cioè di un istituto specializzato dell’ONU, le porte dell’immigrazione, nonostante che ancora, malgrado le statistiche del CENSIS, il fenomeno non fosse neppur lontanamente così evidente, come è diventato oggi. Come si è visto e si ribadisce, per uno straniero senza arte né parte, le principali offerte di lavoro provengono dalla malavita organizzata, sempre bisognosa di manovalanza a buon mercato, e dall’ambiente dello sfruttamento della prostituzione, a meno di non volersi accontentare di un lavoro nero senza garanzie, della mendicità o di un misero commercio ambulante che, dalla mendicità vera e propria ben poco si distingue. Ma è facile capire come anche queste vie siano anch’esse facile anticamera al delitto! Cosa, dunque, era necessario fare per mettere in moto verso l’Italia l’immensa ondata di spiantati che la sta sommergendo? Occorreva una duplice disinformazione: una internazionale, volta ad ingannare gente ignorante o, comunque, non al corrente della nostra realtà sociale, presentando, con capillare propaganda, l’immensa menzogna di un’Italia simile a un nuovo Eldorado, un vero e proprio paese di Bengodi; e una all’interno dell’Italia stessa, tendente a fare apparire come un frutto ineluttabile della storia quello che, invece, è l’effetto della cinica e meditata orchestrazione. A tal fine, con ammirevole improntitudine, si osa parlare di imprescindibili esigenze di mano d’opera nel nostro mercato e di carenza delle nostre forze lavorative, quando esiste una disoccupazione doppia di quella europea. In tutto questo piano, la parte dell’ONU è primaria ed evidente. Infatti, la legge Martelli esordisce (art.1 comma 1) presentandosi come emanata in attuazione della convenzione di Ginevra del 28 luglio 1951, che fu appunto promossa dall’ONU, e prosegue riconoscendo a un ufficio della stessa ONU – l’ACNUR, Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati – importanti poteri di ingerenza sulla immigrazione extraeuropea in Italia. Che poi si tratti di un piano su scala soprannazionale, preciso e programmato, lo si ricava anche dal fatto che da più parti si specificano i numeri e i tempi dell’invasione, così come abbiamo visto fare sulle colonne dell’«Alto Adige» del 10 agosto 1989. Ad esempio anche su un articolo de «Il Giornale» del 9 novembre 1989, intitolato: «L’Italia deve affrontare la mina vagante degli immigrati di colore», si legge che, entro 20 anni, gli immigrati dovrebbero essere 5 o 6 milioni. Ci si domanda come sarebbe possibile formulare previsioni del genere se si trattasse di un fenomeno spontaneo, imprevisto e imprevedibile, e non di un piano controllato, studiato a tavolino. Similmente il Cardinale Carlo Maria Martini, dando prova di sorprendenti carismi profetici, intervenendo nel corso di una mattinata di «studio e riflessione» sul tema: «Per una società dell’accoglienza verso un’Europa multirazziale», tenuta in preparazione della IX giornata della solidarietà, proclama nella sua diocesi, preconizza, a quanto riferisce Daniela Bozzoli sulle colonne di «Avvenire», che il fenomeno toccherà la sua punta massima nei prossimi vent’anni. Questo libro rappresenta veramente in maniera profetica quello che stiamo assistendo adesso e dimostra come tutta la faccenda dell’immigrazione sia indotta. Quaranta anni fa, nessun africano sapeva di dover venire in Europa ma invece lo sapevano quegli organismi internazionali che stavano preparando il terreno adatto per l’invasione.
_____________________________________
LA MIGLIORE DELLA SETTIMANA

IL SOGNO DI RENZI IRRETIRE LA SINISTRA











Vignetta di Giannelli - Corriere della Sera 10/11/17