Associazione
Cattolici Genovesi

 



















Indice generale
del sito




Collegamenti
a siti consigliati




Home


Mail

 
 
   

 
Christus Vincit


Cattolici Genovesi

Cercare la Verità - Conoscere la Verità - Difendere la Verità


 

Questo sito Internet dal titolo si può rilevare l'intento di affermare nel campo della comunicazione una voce cattolica chiara e forte su ogni argomento che quotidianamente si presenta.
Molti sono i temi che intendiamo affrontare con semplicità e chiarezza in modo da essere compresi da tutti coloro che intendono abitualmente avere contatti.
Noi ci rivolgiamo a tutti e speriamo di fare di questo sito non solo un modo per trasmettere informazioni, idee ma, desideriamo che coloro che troveranno il nostro modo di affrontare gli argomenti di loro gradimento ci facciano conoscere le loro opinioni, ci inviino se credono materiale che in ogni caso verrà esaminato e se ne terrà conto successivamente. Anche per coloro che volessero farci una critica, speriamo garbata, sempre nell'ambito delle nostre possibilità cercheremo di rispondere in qualche modo.
La nostra aspettativa è quella di creare le premesse per favorire la crescita di un punto di riferimento, dando non solo a chi collabora di far conoscere le proprie idee ma anche ad altri a partecipare alla formazione di un centro di opinione. La vastità degli argomenti affrontati ci permettono di dare un'idea precisa della nostra visione delle cose che è e che deve essere sempre cattolica.
Non abbiamo la pretesa di far la predica a nessuno, né pretendiamo di giudicare gli altri migliori o peggiori di noi, la cosa non ci interessa, ma sulle idee, sui comportamenti esprimiamo sempre la nostra valutazione.
Spesse volte nel dire la verità forse qualcuno può esserne dispiaciuto, non è nostra intenzione offendere nessuno, ma ciò che riteniamo giusto non deve essere taciuto.
Chi siamo ? Siamo cattolici senza nessun aggettivo. Le tante classificazioni di cattolici molte volte sono riduttive, spesso devianti ed a volte sicuramente errate, per questo le rifiutiamo.
Apprezziamo i progressi della scienza e della tecnica ma riteniamo che il mondo presente non sia dominato esattamente da una visione cristiana; anzi, dall'esatto contrario. Molte delle cose che ci vengono gabellate come progresso, diritti umani o diritti di libertà siano esattamente il contrario; regresso, licenza e schiavitù. Chi avrà pazienza di seguirci capirà presto a cosa ci stiamo riferendo.
Un'ultima cosa, vogliamo ancora dire, in quanto cattolici noi non abbiamo né complessi di colpa per la storia passata né riteniamo di dover ricorrere ad altre istituzioni civili o religiose per poter essere cattolici. Ricerchiamo la verità ma, i fondamenti li conosciamo già con certezza senza bisogno di rivolgere la nostra attenzione altrove. Siamo fedeli alla Santa Romana Chiesa perché crediamo a tutti i dogmi così come ci sono stati proposti, seguiamo i comandamenti ed i principi morali da sempre stabiliti.

Il sito si articola in vari comparti dove trovano opportuna collocazione i vari argomenti. Chiunque sia interessato a partecipare è invitato a contattare i responsabili dei vari settori.


COME VISITARE IL SITO
la cosa più spiacevole è perdere tempo e farlo perdere agli altri. Pertanto, il modo più veloce per vedere i contenuti è quello di esaminare per primo
L'INDICE GENERALE DEL SITO
Se troverete qualcosa di interessante, potrete poi entrare nei singoli settori.
Grazie per la scelta.
 

Rino Tartaglino           


 
 

___________________________________

(cultura)

Foglio per comunicazione ai soci
___________________________________
_____________________________________________________________


ULTIMI INSERIMENTI
- 1/5/2004
(cultura - scienza - fede)
LA PASSIONE DI CRISTO - Così come è avvenuta

_____________________________________________________________
- 31/10/2004
(Difesa della vita)
ARE THE DEAD REALLY DEPARTED WHEN WE REMOVE THEIR ORGANS ? - On a subject concerning the end of life, and that is particularly the matter of the removal of organs from corpses

_____________________________________________________________
- 31/12/2004
(Europa)
LA FINE DELL'UNIONE EUROPEA - L'ingresso della Turchia in Europa

_____________________________________________________________
- 7/1/2005
(Difesa della vita)
QUESTIONI MORTALI - L'attuale dibattito sulla morte cerebrale e il problema dei trapianti di R. BARCARO e P. BECCHI- Introduzione

_____________________________________________________________
- 20/5/2005
(Difesa della Vita)
I CATTOLICI SI ASTENGONO SUL VOTO DEL REFERENDUM - Volantino

____________________________________________
- 31/5/2005
(Progetto Europa)
L'EUROPA E LA GEOPOLITICA AMERICANA - Chi domina il blocco eurasiatico-africano domina il mondo

____________________________________________

- 30/9/2005
(Una voce)
TORNIAMO ALLA MESSA IN LATINO - A seguito della Messa in "zeneize" una lettera di Francesca Poluzzi

____________________________________________

- 15/4/2006
(Difesa della vita)
DONARE GLI ORGANI E MORTE CEREBRALE
Le cose da sapere di Carlo Barbieri
_____________________________________________

S. MESSA IN LATINO
(rito romano antico)

DOMENICHE E FESTE DI PRECETTO

ORE 9,30

CHIESA DI S. STEFANO
(sopra) Via XX Settembre - GENOVA - Tel. 010.58.71.83

ASS. UNA VOCE - GENOVA

___________________________________
_______________________________


- 30/1/2008
(vita)
WELBY E IL PENSIERO CATTOLICO
Condanna dell'eutanasia di Carlo Barbieri
___________________________________

- 30/1/2008
(vita)
WELBY: RIFIUTO DI CURE O EUTANASIA? (parte I)
Considerazioni giuridiche sul caso Welby del prof. Paolo Becchi
___________________________________


- 3/4/2008
(vita)
MORTE CEREBRALE E TRAPIANTO DI ORGANI
Libro del Prof. Paolo Becchi - recensione del Dott Carlo Barbieri
___________________________________

- 3/4/2008
(vita)
LA MORTE CEREBRALE E' LA FINE DELLA VITA?
relazione della Dott. Rosangela Barcaro
___________________________________

- 8/7/2008
(vita)
INFORMAZIONE
La disinformazione sui problemi dei trapianti può essere colmata da alcune letture - consigli del Dott Carlo Barbieri
___________________________________

- 20/11/2008
(vita)
Il nuovo regolamento sulle modalità per l'accertamento e la certificazione della morte. Primi rilievi critici.
del Prof. Paolo Becchi
___________________________________

- 1/10/2009
(vita)
La biopolitica non ammette la libertà di coscienza
Prof. Paolo Becchi
___________________________________
- 30/10/2009
(Archivio)
CATTOLICI GENOVESI - N° 2 novembre 2009

___________________________________

- 30/10/2009
(Incontro)
CATTOLICI GENOVESI - N° 2 novembre 2009

___________________________________

- 10/1/2012
(vita)

___________________________________

- 20/1/2012
(voce)

___________________________________

- 20/1/2012
(Politica - costume - società)

___________________________________

- 19/2/2012
(Cultura)

___________________________________

- 1/1/2013
(una voce)
___________________________________

- 7/1/2013
(vita)

___________________________________

- 7/1/2013
(voce)

___________________________________

- 17/3/2013
(Politica - costume - società)

___________________________________

- 17/5/2013
(voce)
___________________________________

- 21/12/2014
(Cultura)

___________________________________

- 23/6/2015
(Vita)

___________________________________

17 Luglio 2016            Informazioni            N° 29
_________________________________________
      Foglio di comunicazione interna
www.cattolicigenovesi.org
_________________________________________
La felicità è desiderare quello che già si possiede.

Sant'Agostino

_________________________________________
SANTI E BEATI

San CAMILLO de Lellis Sacerdote - Festa 14 luglio
Bucchianico (Chieti), 25 maggio 1550 - Roma, 14 luglio 1614
Di nobile famiglia, nato a Bucchianico, nelle vicinanze di Chieti, il 25 maggio 1550, Camillo de Lellis fu soldato di ventura. Persi i suoi averi al gioco, si mise al servizio dei Cappuccini di Manfredonia. Convertitosi ed entrato nell'Ordine, per curare una piaga riapertasi tornò a Roma nell'ospedale di San Giacomo degli Incurabili, dove si dedicò soprattutto ai malati. Si consacrò a Cristo Crocifisso, riprese gli studi al Collegio Romano e, divenuto sacerdote nel 1584, fondò la «Compagnia dei ministri degli infermi». L'ordine dei Camilliani si distinse da altri per lo spirito della sua opera legata alla carità misericordiosa e per l'abito caratterizzato dalla croce rossa di stoffa sul petto. De Lellis pose attenzione unicamente malati, ponendo le basi per la figura dell'infermiere e del cappellano quali li vediamo oggi. Morì a Roma il 14 luglio 1614 e venne canonizzato nel 1746.
_______________________________________________________
EDITORIALE

SOCIETA’ CORROTTA AI SENSI DI LEGGE
Quindici grammi di cannabis da tenere liberamente in casa, senza doverne rendere conto, cinque fuori casa. Il cosiddetto “testo Giachetti”, adottato ieri dalla Commissioni Giustizia ed Affari sociali sarà all’esame dell’Aula di Montecitorio, ed è la prima volta che accade, lunedì 25 luglio. A favore della legalizzazione c’è il parere della Direzione nazionale antimafia. La proposta è firmata da 294 tra deputati e senatori nasce per iniziativa del sottosegretario agli Esteri, Benedetto Della Vedova. Prevede anche la possibilità di autocoltivazione, fino a cinque piantine, finora completamente proibita. In un clima di degrado generale, sicuramente la legge passerà senza che vi siano che pochi tentativi di contrastarla in Parlamento. I cattolici che dovrebbero opporsi strenuamente sembrano pensare ad altro. La legalizzazione della droga va così ad aggiungersi alle altre norme contro la famiglia, la morale, la società e la vita umana che sono state varate finora e che altre dopo seguiranno. Gli argomenti addotti dai sostenitori della legalizzazione sono i soliti: 1) la marijauna non fa male; 2) proibirla vuol dire aiutare gli spacciatori; 3) i consumatori ricorrendo al mercato della droga spendono di più e rischiano di avere un prodotto più pericoloso; 4) il prezzo della droga elevato, spesso porta il consumatore a compiere reati per pagare la dose. Potremmo facilmente smentire le precedenti affermazioni dei sostenitori della diffusione delle droghe. La droga fa male, se seriamente viene proibita gli spacciatori vanno in galera. Il resto non esisterebbe. Facciamo invece un discorso dall’inizio ponendoci alcune domande: 1) è bene drogarsi? 2) la società ha bisogno dei drogati; 3) perché si vuole la diffusione della droga? Alla prima domanda è facile rispondere siamo contrari alla droga perché fa male sia dal punto di vista fisico che psichico. Basta leggere alcuni trattati sull’argomento per capirne la gravità dei danni per chi fa uso delle droghe. La società non ha alcun interesse al fatto che vi siano i drogati sia perché una popolazione di persone con meno capacità intellettive e schiave di un vizio costituiscono un problema sociale oltreché sanitario. Disintossicare i drogati ha un costo sociale. Infine alla terza domanda rispondiamo semplicemente con l’osservazione; il commercio della droga è una fonte di arricchimento per gruppi criminali che con la legalizzazione diventerebbero dei rispettabili signori che frequentano l’alta società. Adesso si vuole legalizzare la cannabis, in seguito si passerà ad altre droghe sempre in nome dei diritti, della libertà. Cominciamo con un piccolo foro nella diga e col tempo, questa crollerà. Nell’ideologia mondialista, la diffusione della droga fa parte del programma. Per questo che non si è mai fatto una lotta seria alla diffusione della droga, i nostri padroni vogliono che la diffusione della droga diventi un aspetto normale della società.

Rino Tartaglino

_______________________________

ILLUSTRAZIONI: Espressione del soggetto prima e dopo l'assunzione di droghe
_______________________________




LA LIBERTA’ DEL CRISTIANO
È solo Dio che si può servire con la più grande libertà. Solo l’uomo giusto è libero. Caratteristica della libertà è fare il bene, non per timore ma per amore. La legge della libertà è la legge della carità. Allora siamo veramente liberi, quando non siamo allegri per forza. La prima libertà è quella di non peccare. E nemmeno può dirsi libera la volontà finché è soggetta alle umane cupidigie, che da ogni parte la circonvengano e la assalgono. infine la volontà è tanto più libera quanto più è robusta: è tanto più si irrobustisce quanto più si abbandona alle divine grazie e misericordie.

(Sant’Agostino, testo tratto da “il giornale dell’anima” e i discorsi di Giovanni XXIII)

Con la maggior parte delle persone con cui parlo mi sento dire che la libertà consiste nel fare ciò che si vuole. La libertà secondo Cristo, secondo una fede e/o una morale, consiste nel scegliere il bene. È libero chi perde il proprio benessere al gioco? Lo è chi per i propri egoismi distrugge la famiglia ed alla fine sé stesso? Libertà è per scegliere il bene, per correggersi quando ci si accorge di aver errato, per adoperarsi a sanare e rimediare i danni fatti. Quanto detto risponde alla razionalità, quella razionalità tanto affermata dai laicisti e su cui non diverge la Chiesa. Anzi la Chiesa rimane la sola affermatrice della razionalità, di fronte alle convenienze, gli egoismi, le furberie, le variabili mode del tempo. Nel Catechismo della Chiesa cattolica – Compendio n. 374 trovo: “La coscienza morale retta e veritiera si forma con l’educazione, con l’assimilazione della Parola di Dio e dell’insegnamento della Chiesa. È sorretto dai doni dello Spirito Santo e aiutata dai consigli di persone sagge, la preghiera e l’esame di coscienza”. A tutti questi aiuti, a tutte queste benedizioni ricorriamo con solerzia e con riconoscenza. E chi fosse contrario alla fede, lo preghiamo almeno di non buttare via la buona educazione, ricorra agli affetti familiari, faccia un esame di coscienza. Per il resto preghiamo per lui non da maestri ma da beneficati.

Renzo Mattei

_______________________________

11/7 - MODIFICARE L'ITALICUM: Tutti i partiti vogliono modificare la legge elettorale (Italicum), compreso il Pd che l'ha voluta. Questo dipenderebbe dall'esito del referendum. Solo se c'é consenso vero e dopo il referendum (Pd). Rirocchi impossibili, sarebbe da abolire del tutto (M5S). Riaprire il dossier. Via il premio al partito (Gruppo Misto). Premio alla coalizione (Forza Italia). Chiudere la stagione dei nominati (Sinistra Italiana). Introdurre collegi piccoli e proporzionali (Scelta Civica). Impianto sbagliato (Lega Nord). Primarie obbligatorie e no ai capilista bloccati (Fratelli d'Italia).
Per il premio esagerato anche per un maggioranza minima, l'Italicum è a rischio incostituzionalità. Molti eletti sono dei nominati dalle segreterie. Il premio al partito e non alla coalizione tende ad eliminare i partitini e darebbe tutti gli incarichi ad un solo partito. Tutti elementi sufficienti per causarne la modifica.
_______________________________
11/7 - PIANO PER LE BANCHE: L'Italia presenta a Bruxelles il piano per il salvataggio delle banche e garantire i risparmiatori. Non escluso l'intervento pubblico. Sulla sospensione del bail-in le riserve del ministro Schaeuble..
Viste le difficoltà a tenere insieme l'Europa è possibile che le richieste dell'Italia vengano soddisfatte.

11/7 - TENSIONI NEGLI USA: Dopo i fatti di Dallas dove sono stati assassinati cinque poliziotti bianchi ad opera di un ex soldato nero, sono aumentati episodi di insofferenza dei neri verso i bianchi. In Usa è stato arrestato uno dei capi del potere nero e sono stati effettuati altri 200 arresti.
In America il problema razziale non è ancora stato risolto
________________________________
12/7 - ISOLE CONTESE: La Cina ha molte contese territoriali per isolette e scogli con vari Stati asiatici quali: Filippine, Giappone, Vietnam e Taiwan. Le Filippine per una serie di piccole isole e scogli ha fatto ricorso ad un arbitrato presso la Corte permanente di arbitrato sulle Convenzioni Onu. La Corte ha dato ragione alle Filippine. La Cina si rifiuta di accettare il giudizio.
I metodi aggressivi della Cina nei confronti degli Stati che si affacciano sul Mar Cinese rischia di innescare tensioni e scontri in quella zona. Vi sono interessi sia economici che di tipo militare.

12/7 - PER UN ISLAM ITALIANO: Il ministro degli Interni Alfano vuole arrivare ad un accordo con gli islamici e per questo propone che gli imam siano certificati cioé preparati in Italia. Le prediche nelle moschee siano tenute in italiano e che vengano rispettato dagli islamici le regole contenute in uno statuto.
E' necessario che gli islamici per essere accettati conoscano la nostra lingua, la nostra cultura, le nostre leggi e la nostra religione. Cioè diventare buoni cittadini italiani altrimenti non è possibile alcuna integrazione a livello civile. Per quanto riguarda i cattolici vi deve essere un atteggiamento leale di confronto al fine di possibile conversione.
____________________________

12/7 - SCELTE VATICANE: San Pio X escludeva tassativamente i laici dall'intervenire nelle cose della Chiesa. Da alcuni anni si è cambiato indirizzo, si è voluto introdurre in incarichi particolari laici ed anche donne. Abbiamo visto che certe scelte non sono state poi felici come nel caso della signora Chaouqui finita sotto processo e condannata per aver passato documenti riservati ad alcuni giornalisti. Abbiamo visto che alla segreteria per la Dottrina della Fede era finito un giovane sacerdote che poi si è dichiarato pubblicamente omosessuale. Adesso, al vertice della Sala Stampa vaticana è stato nominato direttore Greg Burke dell'Opus Dei e come vice direttrice Paloma Garscia Ovejero al posto di Padre Lombardi che va in pensione.
Per ricoprire certi incarichi è necessario che siano assegnati a persona di sicura fiducia e che abbiano dimostrato vere capacità e non fare scelte di tipo ideologico o dettate dalla moda.
____________________________
13/7 - IL CARTELLINO: Nel Comune di Boscotrecasa con poco più di 60 dipendenti comunali, 23 sono stati colpiti da provvedimenti legali oltreché amministrativi. Questi soggetti timbravano il cartellino e poi si assentavano dal posto di lavoro. Sono state accertate 200 violazioni del genere. Il decreto che permette il licenziamento del dipendente infedele va in vigore da oggi. Quindi, i dipendenti di Boscotrecase possono ancora stare tranquilli, non saranno licenziati.
Al dipendente, per necessità, dovrebbe essere concesso su richiesta di potersi assentare per qualche momento; ma, timbrare il cartellino e non andare al lavoro, merita una sanzione.

13/7 - COMUNE DI TORINO: Il nuovo sindaco di Torino, Appendino (M5S), all'assessorato alla Famiglia ha nominato un membro dell'Arcigay.
La signora Appendino si è ricordata di venire dallo schieramento di sinistra estrema. Immaginiamo di quale famiglia intenda l'assessore dell'Arcigay.
_____________________________________

13/7 - SCONTRO DI TRENI: Due treni che viaggiavano in direzione opposta sulla tratta Andria (Barletta) e Corato (Bari), si sono scontrati essendo una via a binario unico. Le comunicazioni tra le stazioni avvengono per via telefonica e sicuramente, un errore umano è stata la causa dello scontro. Nell'incidente il bilancio provvisorio è di 23 morti e oltre 50 feriti. La linea ferroviaria doveva essere raddoppiata già da vari anni. La Ue aveva già stanziato nel 2008 più di 300 milioni per i lavori ma pratiche burocratiche hanno fatto si che i lavori non fossero ancora iniziati. Il primo problema sollevato dall'incidente riguarda la ricerca dei responsabili del disastro e come sempre non sono stati subito presi provvedimenti per evitare rischi di incidenti futuri.
In questi casi, l'errore umano è sempre possibile ma, l'introduzione di anche modesti sistemi di segnalazione potevano essere adottati; avrebbero così evitato questi disastri.
_____________________________________
14/7 - AKIHITO: L'ultimo imperatore del Giappone avrebbe espresso l'intenzione di abdicare. Lo ha annunciato la televisione pubblica Nhk aggiungendo che il sovrano, 82 anni, non vuole restare sul Trono del Crisantemo se le sue condizioni di salute dovessero imporgli di limitare i suoi doveri pubblici nei confronti della nazione. Akihito è figlio dell'imperatore Hiro Hito che guidò il Giappone nella Seconda Guerra Mondiale e che dopo la sconfitta annunciò via radio la sua natura "umana" e non "divina".
L'imperatore è diventato troppo umano è come uno dei regnanti europei. Speriamo che non voglia diventare un imperatore emerito.

14/7 - MUORE PROVENZANO: Il famoso capomafia Bernardo Provenzano muore ad 83 anni in ospedale dopo lunga malattia. anche in gravi condizioni era sottoposto al 41 bis perché ritenuto molto pericoloso. I giornali dicono che Provenzano è morto portandosi dietro i suoi segreti.
Molte volte abbiamo il sospetto che i segreti dei mafiosi non si vogliono conoscere; perché potremmo scoprire cose che è meglio non sapere.
_____________________________________

14/7 - THERESA MAY: I venti giorni turbinosi che hanno cambiato la Gran Bretagna si chiudono con Theresa May che nel pomeriggio entra al numero 10 di Downing Street, da cui il dimissionario David Cameron è appena uscito. La May è il primo ministro del governo, è stata ricevuta dalla Regina Elisabetta II che l'ha invitata a formare il nuovo governo. La May che per il referendum ha sostenuto il voto per far rimanere la Gran Bretagna nell'Ue; adesso, ha l'onere di portare la Gran Bretagna fuori dall'Europa. Il grave compito della May è quello di rassicurare le istituzioni politiche e finanziarie interne ed internazionali, ma soprattutto l'opinione pubblica, quella che in nome dell'autodeterminazione ha votato per la Brexit.
La May è stata paragonata alla Margaret Tatcher soltanto che le condizioni attuali sono molto diverse da quelle degli anni '80. Sarà molto più difficile per la May ottenere successi popolari avuti dalla Tatcher.
_____________________________________
15/7 - CONTRO LA PROSTITUZIONE: Parte la proposta di legge contro la prostituzione. La proposta prevede multe per i clienti e carcere per i recidivi. La campagna è sostenuta dalla Comunità Giovanni XXIII La proposta in Parlamento ha il si dei deputati del Pd e di Ap.
In tutta questa proposta non vi è nessuna disapprovazione morale della prostituzione. Una proibizione secondo una visione laicista e non cristiana.

15/7 - PORTALE LGBT: Promosso dal direttore dell'Unar (Ufficio Nazionale antidiscriminazioni razziali) - di che razza sono gli Lgbt? - la costituzione di un portale con intenzioni "pluralistiche". Teoricamente si potrà mandare anche messaggi discordi a questo portale che li pubblicherebbe. L'Avvenire, quotidiano della Cei pubblica il fatto con un articolo abbastanza neutro.
Se è stato creato un portale con idee Lgbt non vuol certo dire che questi signori e signore non hanno alcuna intenzione a convertirsi all'eterosessualità. Quindi, pubblicheranno qualcosa di apparentemente contrario magari di poco valore nel contenuto per poter ribadire con più successo le loro tesi balzane.

15/7 - NIENTE FIOCCHI: Quando nasce un bambino si mette un fiocco azzurro se invece è una bambina il fiocco è rosa. In un portale targato Consiglio dei Ministri si sostiene la tesi che non bisogna mettere fiocchi o nastrini di colori diversi perché i sessi sono a scelta dell'individuo secondo la teoria del gender.
Ci sono politici che vogliono governare l'Italia ma non sanno stabilire la differenza tra maschio e femmina e inventano sessi inesistenti.
_____________________________________

15/7 - TERRORE A NIZZA: Sul lungomare di Nizza, la Promenade del Anglais, una zona chiusa al traffico per permettere alla folla convenuta per i festeggiamenti del 14 luglio ed assistere ai fuochi d'artificio, un grande tir bianco ha rotto gli ostacoli ed ha percorso a tutta velocità circa due km falciando la folla che era al margine della strada. il bilancio provvisorio è di 84 morti e forse 200 feriti. La folla presa dal panico è fuggita cercando riparo in portoni o in locali aperti. Alla fine della folle corsa del tir l'attentatore è stato ucciso. L'autore della strage è un nordafricano di religione islamica.
Per il grave atto terroristico molto probabilmente l'Isis si attribuirà il merito. Il califfato, sedicente tale, va distrutto al più presto. Il terrorismo continuerà fino a quando non si troverà un deterrente a questo comportamento criminale.
_______________________________________
IL SULTANO ERDOGANO
VUOL COPIARE SOLIMANO

Cosa vuole Erdogan?
Diventare un sultan!
E così ha preparato
un bel, colpo di Stato.
Quattro ore sono bastate
e le cose han sistemate.
Militari che son felloni,
son finiti nelle prigioni.
Mentre i capi esautorati,
alla forca sono condannati.
Per non perdere l’alleato
dagli Usa è condonato.
La minaccia dei migranti.
di spedirne sempre tanti,
mette la Merkel a tacere
per le turche primavere.
Poi si giunge a conclusione,
al sultano l’incoronazione.

_____________________________________
16/7 - PIL 1%: Si stima per il 2016 una crescita per l'Italia intorno all'1% o come prevede la Banca d'Italia un po' meno dell'1% per il 2016. Secondo questa previsione sarebbero a rischio 5 miliardi di minor gettito delle entrate con problemi per i conti pubblici.
Tutti i provvedimenti che vengono presi servono solo a tamponare i conti pubblici ma non servono ad uscire dalla crisi.

16/7 - PROGRESSO LAICISTA: Il primo ministro del Canada, Justin Trudeau, ha annunciato che il suo paese potrebbe essere prossimo all’introduzione delle carte di identità di genere neutro, offrendo così ai propri cittadini il “privilegio” di assegnarsi il proprio genere “percepito”, maschile, femminile o neutro, indipendentemente dal sesso biologico e naturale. Tutto questo dopo la folle recente sentenza della Corte Suprema che ha stabilito la liceità degli atti sessuali tra uomini e animali purché non vi sia “penetrazione” .
Il peggio sta per realizzarsi e per quanto ci riguarda a questo mondo perverso non possiamo che opporci strenuamente e smetterla con le chiacchiere .
_____________________________________



16/7 - COLPO DI STATO: Poco dopo le 21 in Italia (22 in Turchia) si è avuta notizia di un tentativo di colpo di Stato per rovesciare il regime del presidente Recep Tayyip Erdogan. I militari che hanno messo in opera la rivolta contro il governo, hanno occupato alcune vie di comunicazione, preso la sede della televisione. Si sono visti sfrecciare in cielo i caccia, sono stati presi prigionieri gruppi di poliziotti fedeli al regime. Imprigionato il capo di Stato maggiore dell'esercito. Si sono uditi spari di vario genere. Verso le 23 attraverso gli smartphone è stata diffusa l'immagine del presidente Erdogan che incita il popolo a scendere in piazza, a contrastare i ribelli e difendere la democrazia. Nello stesso tempo vi sono state comunicazioni che riferivano della fuga in aereo del presidente che chiedeva asilo a vari Stati. Infine, la reazione delle truppe fedeli al regime, la cattura dei reparti ribelli ed il ritorno di Erdogan sulla scena che annuncia che il colpo di Stato è fallito ed i responsabili saranno puniti severamente. Bilancio della ribellione è stato di qualche mitragliamento, di un bombardamento con un numero di vittime tra i 200 e 300. Il tutto si è concluso in circa 4 ore.
Erdogan è un presidente eletto ma la sua linea si è spostata da una forma laica di governo verso una islamista. Ha di molto limitato le libertà ed imprigionato numerosi giornalisti. Si è schierato in soccorso dell'Isis per combattere Assad, ha provocato la Russia abbattendo un suo aereo. Ultimamente, in difficoltà si è riavvicinato alla Russia schierandosi contro l'Isis. Il fallito colpo di Stato, teoricamente dovrebbe rafforzare il potere di Erdogan. Il grosso dell'esercito potrebbe riprendere il suo ruolo e in questo caso vi sarebbe la fine del regime filo islamista di Erdogan. Il colpo di Stato è fallito perché si sono ribellati solo alcuni reparti, probabilmente Erdogan era al corrente del tentativo di ribellione ed ha fatto scattare la trappola appena i ribelli si sono mossi.
_____________________________________
17/7 - REINTEGRO: Il non partito, M5S visto che alcuni dei suoi eletti a volte si allontana dalle disposizioni del direttivo, ha inventato restrizioni per evitare qualche comportamento non codificato. Abbiamo visto che sono state stabilite delle penali per i consiglieri eletti. Vi sono anche le espulsioni come strumento per tenere in riga gli iscritti. A Napoli vi sono state delle espulsioni dal M5S per la solita disubbidienza alle direttive dall'alto. Il ricorso al Tribunale ha dato ragione agli espulsi che sono stati reintegrati nel partito. L'ordinanza di Napoli boccia il "non statuto". Secondo i magistrati le sanzioni ai militanti non possono essere stabilite solo dal blog.
La differenza tra il M5S e gli altri partiti è che dal M5s si esce per espulsione mentre dagli altri partiti, si esce per convenienza.

17/7 - TURCHIA: Dura repressione ordinata da Erdogan con migliaia di arresti. Anche episodi di linciaggi e decapitazioni di militari ribelli Tensione altissima tra la Turchia e gli Usa. Militari arrestati molti erano vicini agli americani. Erdogan vorrebbe che gli Usa consegnassero il dissidente Fethullah Gulen ritenuto l'isipiratore del fallito colpo di Stato.
Erdogan approfitta della circostanza per eliminare tutti gli oppositori interni e sempre su questa linea, fa la voce grossa anche con gli Usa per poter agire indisturbato all'interno senza ricevere troppe critiche.
_____________________________________

17/7 - MALTA: L’aborto a Malta è illegale. Anche EllaOne, la cosiddetta pillola del giorno dopo, lo è e per lo stesso motivo: impedendo l’impianto dell’ovulo già fecondato, è un farmaco abortivo a tutti gli effetti. Un divieto, questo, che certamente non garba alla Fondazione per i Diritti delle Donne: per questo ha presentato presso i ministeri della Sanità e delle Libertà Civili un ricorso contro lo Stato, chiedendo che vengano legalizzate l’autorizzazione, l’importazione e la distribuzione della contraccezione d’emergenza, attualmente fuorilegge. In questo caso, si procede in maniera diversa da quello che hanno fatto gli altri Paesi europei. Dove prima si è legalizzato l’aborto chirurgico e poi quello medico con la pillola EllaOne. A Malta si cerca di introdurre l’aborto con la pillola e successivamente anche quello chirurgico. Presentando 102 firme di donne di età compresa tra i 16 ed i 62 anni a sostegno della petizione. Ed attivando un profilo Facebook, per promuovere un’apposita campagna di sensibilizzazione. Non è disposta a fermarsi di fronte ad alcunché: è pronta a portare la questione non solo dinanzi ai tribunali locali, ma anche di fronte alla Corte europea dei Diritti dell’Uomo, se servisse. Le pressioni attuate dalle lobby abortiste han purtroppo sortito già qualche risultato: ad esempio, l’avvio di un dibattito interministeriale, per valutare la richiesta da loro avanzata. (da Corrispondenza Romana)
Dove la manipolazione della popolazione non è tanto avanzata si cerca di introdurre l'aborto mascherandolo da contraccezione.
_____________________________________

ANNOTAZIONE
POSSIAMO CONVIVERE CON L’ISLAM?
Attentati terroristici in Europa hanno fatto nel solo 2016 centinaia di vittime. Le vittime sono del tutto innocenti. Gli attentatori vogliono solo uccidere con lo scopo di terrorizzare. Questo è il modo di combattere delle organizzazioni terroristiche. Le organizzazioni terroristiche che operano in Europa, in Africa e nella maggior parte dell’Asia sono di religione islamica. I terroristi si ritengono fedeli osservanti dell’islam uccidendo i miscredenti e ritengono di meritare il paradiso anche per il loro sacrificio. Molti loro attentati prevedono la morte dell’attentatore. Quindi, i terroristi anche hanno questo atteggiamento che a nostro giudizio è criminale è perfettamente parte dell’islam che noi definiamo radicale. Nel Corano vi sono alcune sure che contengono versetti che incitano il fedele alla guerra contro il miscredente. Che invitano ad uccidere o a combattere comunque. Oltre a queste persone che noi chiamiamo islamici radicali vi sono poi le grandi masse che per tanti motivi diversi non fanno attentati e vogliono vivere pacificamente. Vivere nei loro Paesi dove vige la sharia il non islamico è cittadino di seconda categoria. In ogni caso, il problema è l’islam. Se non modificano le loro convinzioni e di conseguenza, i loro comportamenti con l’islam ci sarà prima o poi un scontro inevitabile. Per noi l’islam è una falsa religione inventata da Maometto combinando insieme elementi di varie religioni. I cristiani hanno il dovere di predicare il Vangelo per ottenere la loro conversione. Ma se i contrasti saranno insanabili come penso, arriveremo ad uno scontro e l’islam sarà il castigo di Dio per punirci delle nostre iniquità.
_____________________________________
ULTIMA ORA: A Baton Rouge (Louisiana) un ex marine armato di tutto punto forse con la collaborazione di due complici ha fatto fuoco contro alcuni poliziotti uccidendone tre e ferendone altri tre. L'attentatore è stato poi ucciso dalla polizia e catturati i due complici. L'attentatore era un nero appartenente ad un gruppo estremista. L'azione era stata progettata per punire la polizia bianca che tempo fa aveva ucciso un nero.
Episodi di stampo razzista partono dagli afroamenricani come contrapposizione al comportamento forse esagerato della polizia. Si spera che non compiano omicidi gli estremisti bianchi, sarebbe la guerra civile.
_____________________________________

IL LIBRO DELLA SETTIMANA
INFILTATA A MOLENBEEK

di Hind Fraihi
Ed. BUR - € 15
È stata insultata, schernita, accusata di essere razzista e persino islamofoba. Lei, che è musulmana. L’hanno snobbata, dicendo che non capiva niente di immigrazione e delle dinamiche di integrazione. Lei, che è nata nelle Fiandre ma è di origine marocchina. Hanno sentenziato che il suo libro, Undercover in Little Morocco, era carta straccia e i suoi articoli pieni di falsità. Che cosa aveva scritto dunque Hind Fraihi? Che il quartiere della capitale del Belgio dove sono stati organizzati gli attentati di Parigi e Bruxelles, Molenbeek, che significa appunto “piccolo Marocco”, era pieno di fondamentalisti islamici, che i giovani venivano reclutati per il jihad e che si era trasformato in una società parallela. Ormai queste cose le hanno riportate tutti i giornali del mondo con inchieste e dovizia di particolari. Ma lei lo ha fatto 11 anni fa, nel 2005. Ha messo in guardia il suo paese e nessuno l’ha ascoltata. Oggi il suo libro è stato tradotto in francese (En immersion à Molenbeek) e ristampato, tutti si scusano, la cercano, la intervistano. E questa giornalista freelance di 40 anni scuote la testa: «Probabilmente è troppo tardi». L’autrice intervistata sui fatti recenti accaduti a Bruxelles risponde: “Sono rimasta scioccata, sapevo che sarebbe successo un giorno, anche se non sapevo come né quando. È stato incredibile perché è avvenuto poco dopo l’arresto di Salah Abdeslam (tra gli autori degli attentati di Parigi che per mesi era rimasto nascosto a Molenbeek, ndr), quindi si è trattato di una vendetta. Me l’aspettavo, ma non credevo avrebbero agito così in fretta”. Nel libro scopriamo che i giovani venivano reclutati per la guerra santa per strada, in metropolitana, nelle associazioni islamiche, nelle moschee. L’uso di internet, dei social network le cose si sono ancora più sviluppate. Il quartiere di Molenbeek è un’enclave musulmana con una vasta popolazione di origine marocchina. Tra i giovani mancava il lavoro e in pochi avevano una buona educazione. Sono tutti nati in Belgio ma allo stesso tempo sono lontani dalla nostra società. Non conoscono il Belgio, sono staccati dal paese in cui vivono, non sanno niente della politica. Una volta ho nominato davanti a un gruppo di giovani Guy Verhofstadt. Tutti mi hanno risposto: «E chi è?». Era il nostro primo ministro. La propaganda era dappertutto. La letteratura a favore del jihad si trovava sugli scaffali delle librerie, gli imam facevano pressione sui giovani e durante la preghiera in moschea si inneggiava alla guerra santa. L’antisemitismo era enorme. La pubblicazione del libro ha suscitato molte polemiche. L’autrice denunciava l’estremismo e la radicalizzazione, che erano visibili e tangibili. Le conclusioni erano politicamente scorrette e sono stata accusata di razzismo. Il libro è stato ridicolizzato dicendo che faceva il gioco dei partiti di destra. Forse il Belgio non era pronto per conoscere la verità Perché vige il politicamente corretto. Bisogna sempre e solo esprimersi in modo positivo riguardo all’immigrazione. Ci sono tanti cliché sulla convivenza che non è mai un problema, e lo stesso vale per il multiculturalismo. Abbiamo negato che causasse dei problemi oppure li abbiamo declassificati a folklore. Non si è voluto capire e non si è voluto comprendere che il multiculturalismo non è innocuo. Hind Fraihi col suo libro dice grandi verità che solo adesso, dopo gli attentati di Parigi e Bruxelles vengono prese in serie considerazioni
_____________________________________
LA MIGLIORE DELLA SETTIMANA

DOVE VIAGGIANO I POLITICI IL TRASPORTO MIGLIORA












Vignetta su Avvenire 14/7/16