Associazione
Cattolici Genovesi

 



















Indice generale
del sito




Collegamenti
a siti consigliati




Home


Mail

 
 
   

 
Christus Vincit


Cattolici Genovesi

Cercare la Verità - Conoscere la Verità - Difendere la Verità


 

Questo sito Internet dal titolo si può rilevare l'intento di affermare nel campo della comunicazione una voce cattolica chiara e forte su ogni argomento che quotidianamente si presenta.
Molti sono i temi che intendiamo affrontare con semplicità e chiarezza in modo da essere compresi da tutti coloro che intendono abitualmente avere contatti.
Noi ci rivolgiamo a tutti e speriamo di fare di questo sito non solo un modo per trasmettere informazioni, idee ma, desideriamo che coloro che troveranno il nostro modo di affrontare gli argomenti di loro gradimento ci facciano conoscere le loro opinioni, ci inviino se credono materiale che in ogni caso verrà esaminato e se ne terrà conto successivamente. Anche per coloro che volessero farci una critica, speriamo garbata, sempre nell'ambito delle nostre possibilità cercheremo di rispondere in qualche modo.
La nostra aspettativa è quella di creare le premesse per favorire la crescita di un punto di riferimento, dando non solo a chi collabora di far conoscere le proprie idee ma anche ad altri a partecipare alla formazione di un centro di opinione. La vastità degli argomenti affrontati ci permettono di dare un'idea precisa della nostra visione delle cose che è e che deve essere sempre cattolica.
Non abbiamo la pretesa di far la predica a nessuno, né pretendiamo di giudicare gli altri migliori o peggiori di noi, la cosa non ci interessa, ma sulle idee, sui comportamenti esprimiamo sempre la nostra valutazione.
Spesse volte nel dire la verità forse qualcuno può esserne dispiaciuto, non è nostra intenzione offendere nessuno, ma ciò che riteniamo giusto non deve essere taciuto.
Chi siamo ? Siamo cattolici senza nessun aggettivo. Le tante classificazioni di cattolici molte volte sono riduttive, spesso devianti ed a volte sicuramente errate, per questo le rifiutiamo.
Apprezziamo i progressi della scienza e della tecnica ma riteniamo che il mondo presente non sia dominato esattamente da una visione cristiana; anzi, dall'esatto contrario. Molte delle cose che ci vengono gabellate come progresso, diritti umani o diritti di libertà siano esattamente il contrario; regresso, licenza e schiavitù. Chi avrà pazienza di seguirci capirà presto a cosa ci stiamo riferendo.
Un'ultima cosa, vogliamo ancora dire, in quanto cattolici noi non abbiamo né complessi di colpa per la storia passata né riteniamo di dover ricorrere ad altre istituzioni civili o religiose per poter essere cattolici. Ricerchiamo la verità ma, i fondamenti li conosciamo già con certezza senza bisogno di rivolgere la nostra attenzione altrove. Siamo fedeli alla Santa Romana Chiesa perché crediamo a tutti i dogmi così come ci sono stati proposti, seguiamo i comandamenti ed i principi morali da sempre stabiliti.

Il sito si articola in vari comparti dove trovano opportuna collocazione i vari argomenti. Chiunque sia interessato a partecipare è invitato a contattare i responsabili dei vari settori.


COME VISITARE IL SITO
la cosa più spiacevole è perdere tempo e farlo perdere agli altri. Pertanto, il modo più veloce per vedere i contenuti è quello di esaminare per primo
L'INDICE GENERALE DEL SITO
Se troverete qualcosa di interessante, potrete poi entrare nei singoli settori.
Grazie per la scelta.
 

Rino Tartaglino           


 
 

___________________________________

(cultura)

Foglio per comunicazione ai soci
___________________________________
_____________________________________________________________


ULTIMI INSERIMENTI
- 1/5/2004
(cultura - scienza - fede)
LA PASSIONE DI CRISTO - Così come è avvenuta

_____________________________________________________________
- 31/10/2004
(Difesa della vita)
ARE THE DEAD REALLY DEPARTED WHEN WE REMOVE THEIR ORGANS ? - On a subject concerning the end of life, and that is particularly the matter of the removal of organs from corpses

_____________________________________________________________
- 31/12/2004
(Europa)
LA FINE DELL'UNIONE EUROPEA - L'ingresso della Turchia in Europa

_____________________________________________________________
- 7/1/2005
(Difesa della vita)
QUESTIONI MORTALI - L'attuale dibattito sulla morte cerebrale e il problema dei trapianti di R. BARCARO e P. BECCHI- Introduzione

_____________________________________________________________
- 20/5/2005
(Difesa della Vita)
I CATTOLICI SI ASTENGONO SUL VOTO DEL REFERENDUM - Volantino

____________________________________________
- 31/5/2005
(Progetto Europa)
L'EUROPA E LA GEOPOLITICA AMERICANA - Chi domina il blocco eurasiatico-africano domina il mondo

____________________________________________

- 30/9/2005
(Una voce)
TORNIAMO ALLA MESSA IN LATINO - A seguito della Messa in "zeneize" una lettera di Francesca Poluzzi

____________________________________________

- 15/4/2006
(Difesa della vita)
DONARE GLI ORGANI E MORTE CEREBRALE
Le cose da sapere di Carlo Barbieri
_____________________________________________

S. MESSA IN LATINO
(rito romano antico)

DOMENICHE E FESTE DI PRECETTO

ORE 9,30

CHIESA DI S. STEFANO
(sopra) Via XX Settembre - GENOVA - Tel. 010.58.71.83

ASS. UNA VOCE - GENOVA

___________________________________
_______________________________


- 30/1/2008
(vita)
WELBY E IL PENSIERO CATTOLICO
Condanna dell'eutanasia di Carlo Barbieri
___________________________________

- 30/1/2008
(vita)
WELBY: RIFIUTO DI CURE O EUTANASIA? (parte I)
Considerazioni giuridiche sul caso Welby del prof. Paolo Becchi
___________________________________


- 3/4/2008
(vita)
MORTE CEREBRALE E TRAPIANTO DI ORGANI
Libro del Prof. Paolo Becchi - recensione del Dott Carlo Barbieri
___________________________________

- 3/4/2008
(vita)
LA MORTE CEREBRALE E' LA FINE DELLA VITA?
relazione della Dott. Rosangela Barcaro
___________________________________

- 8/7/2008
(vita)
INFORMAZIONE
La disinformazione sui problemi dei trapianti può essere colmata da alcune letture - consigli del Dott Carlo Barbieri
___________________________________

- 20/11/2008
(vita)
Il nuovo regolamento sulle modalità per l'accertamento e la certificazione della morte. Primi rilievi critici.
del Prof. Paolo Becchi
___________________________________

- 1/10/2009
(vita)
La biopolitica non ammette la libertà di coscienza
Prof. Paolo Becchi
___________________________________
- 30/10/2009
(Archivio)
CATTOLICI GENOVESI - N° 2 novembre 2009

___________________________________

- 30/10/2009
(Incontro)
CATTOLICI GENOVESI - N° 2 novembre 2009

___________________________________

- 10/1/2012
(vita)

___________________________________

- 20/1/2012
(voce)

___________________________________

- 20/1/2012
(Politica - costume - società)

___________________________________

- 19/2/2012
(Cultura)

___________________________________

- 1/1/2013
(una voce)
___________________________________

- 7/1/2013
(vita)

___________________________________

- 7/1/2013
(voce)

___________________________________

- 17/3/2013
(Politica - costume - società)

___________________________________

- 17/5/2013
(voce)
___________________________________

- 21/12/2014
(Cultura)

___________________________________

- 23/6/2015
(Vita)

___________________________________

28 Giugno 2015            Informazioni            N° 26
_________________________________________
      Foglio di comunicazione interna
www.cattolicigenovesi.org
L’esperto è un signore che, a pagamento, ti spiega perché ha sbagliato l’analisi precedente.

Leo Longanesi

_______________________________
SANTI E BEATI

San MASSIMO di Torino Vescovo - Festa 25 giugno
Massimo nacque in un imprecisato paese dell’Italia settentrionale nella seconda metà del IV secolo e fu chiamato a reggere la nuova cattedra episcopale di Julia Augusta Taurinorum appena eretta dal suo maestro Sant’Eusebio di Vercelli. Il sacerdote marsigliese Gennaio, storico cristiano, nella sua opera “De viris illustribus” ci presenta Massimo quale profondo conoscitore delle Sacre Scritture, forbito predicatore ed autore di parecchie preziose opere che gli hanno meritato di essere considerato uno dei padri minori della Chiesa universale. La citazione di Gennaio termina precisando che Massimo visse regnati Onorio e Teodosio il Giovane. Soppravisse però ad entrambi e prese parte al Sinodo di Milano nel 451, comparendo tra i firmatari di una lettera inviata in tale occasione al papa San Leone Magno. La data della sua morte non è nota.
____________________________________________
EDITORIALE
CI SARA’ IL DIVORZIO CATTOLICO?

ch’assolver non si può chi non si pente
né pentere e volere insieme puossi
per la contradizion che nol consente.

(Divina Commedia - Canto XXVII 118-120)

Si è fatto un Sinodo sulla famiglia l’ottobre scorso e un altro se ne farà il prossimo ottobre. Si ha l’impressione che si vada a caute aperture su tutti i temi più controversi, dai divorziati risposati ai gay. È stato pubblicato ieri (23/6715) il “foglio di lavoro” della prossima assemblea sinodale, redatto dalla Segreteria del Sinodo sulla base della consultazione di tutte le comunità cattoliche nazionali. Come idea guida vi si dice che la Chiesa avverte la necessità di un annuncio del “Vangelo della famiglia” che “dia speranza” che “non schiacci”. Per esempio di fronte alle convivenze prematrimoniali, o ai matrimoni solo civili, dovrà essere adottato un atteggiamento di accompagnamento che guidi le persone verso la scelta del matrimonio. Sui divorziati risposati, documento dice che “c’è un comune accordo sull’ipotesi di un itinerario di riconciliazione o via penitenziale, sotto l’autorità del vescovo, per i fedeli divorziati e risposati civilmente, che si trovano in situazione di convivenza irreversibile”. Un accordo sulla questione da affrontare ma non sui possibili esiti. Uno rigorista: “Si suggerisce un percorso di presa di coscienza del fallimento e delle ferite da esso prodotte, con pentimento, verifica dell’eventuale nullità del matrimonio, impegno alla comunione spirituale e decisione a vivere in continenza”. Un secondo possibilista: “Altri, per via penitenziale intendono un processo di chiarificazione e di nuovo orientamento, dopo il fallimento vissuto, accompagnato da un presbitero a ciò deputato. Questo processo dovrebbe condurre l’interessato ad un giudizio onesto sulla propria condizione, in cui anche lo stesso presbitero possa maturare una sua valutazione per poter far uso delle potestà di legare e di sciogliere in modo adeguato la situazione”. Inoltre c’è un punto in cui per i divorziati risposati andrebbero ripensate le forme di esclusione attualmente praticate. Si tratterebbe di sette funzioni: testimone di nozze, padrino al battesimo o cresima, lettore in chiesa, catechista, membro del consiglio pastorale, insegnante di religione e ministro straordinario dell’Eucarestia. A proposito degli omosessuali, si esclude il matrimonio ma vi è un rinnovato invito al rispetto: “Ogni persona, indipendentemente dalla propria tendenza sessuale, va rispettata nella sua dignità e accolta con sensibilità e delicatezza”. Questo è quanto viene riportato dai giornali su quella che sarebbe la nota informativa ora chiamata in termini aziendali il “foglio di lavoro”. Criticabile è già la formula della consultazione presso le comunità (quali comunità non certo presso i parrocchiani). La gerarchia può chiedere informazioni al popolo per avere degli elementi per correggere le devianze dei fedeli e non per ricevere informazioni per adattare la pastorale ai nuovi costumi. Il Vangelo parla chiaro e non usa espressioni fumose che servono a mettere insieme elementi contrari. “chi sposa una donna ripudiata ( adesso si direbbe divorziata) commette adulterio”. Quindi il peccato è grave. La prima ipotesi indicata come rigorista si conclude in modo poco chiaro e con qualche apertura discutibile. L’altra ipotesi “possibilista” se abbiamo capito bene; uno si sposa, poi divorzia, si sposa poi civilmente ma vuole ugualmente andare in paradiso allora va dal prete deputato alla faccenda si sorbe un po’ di prediche, farà un po’ di penitenze poi il prete accertato che tutto è a posto autorizza a continuare la vita con la seconda donna. Se dovesse passare questa linea al Sinodo e noi ci auguriamo di no, sarebbe in contrasto con la dottrina da sempre osservata. Gesù senza contorcimenti verbali dice esplicitamente che è un adulterio. Infine, qualunque sia la posizione dei divorziati risposati anche se hanno lascato la convivenza con la seconda donna e si sono pentiti per l’insegnamento del catechismo e l’incarico di ministri straordinari dell’Eucarestia li metterei in fondo alla graduatoria. Poiché l’ultima parola spetta al Papa, non ci rimane che pregare per lui che pare ne abbia molto bisogno. Ultima considerazione, a parole ed in molti documenti come nel su citato “foglio di lavoro” gli omosessuali devono essere trattati con rispetto e delicatezza. Noi non abbiamo questi problemi, ci limitiamo a disapprovare la loro devianza ed il grave peccato contro natura, per dovere lo diciamo ma per il resto ci pensa il Padre Eterno a chi non è pentito a collocarlo nel girone corrispondente.

Rino Tartaglino

_______________________________

ILLUSTRAZIONE: Vignetta di Altan - Nel mondo dell'incontrario ciò che è anomalo diventa ordinario
_______________________________
RISIBILITA’ DELLA VITA

Una donna al farmacista: “Del veleno, prego, devo uccidere mio marito”. “Ah! Capisco … però non posso proprio darglielo”. Allora la donna mostra la foto del coniuge a letto con la moglie del farmacista. Al che egli afferma: “Le chiedo scusa, signora. Doveva dirmelo subito che aveva la ricetta!”

(Dal calendario “Frate indovino” del mese di giugno 2015)

Questo raccontino può essere tralasciato con un sorriso, cattolicesimo e gioiosità si danno la mano. Ma può pure essere meditato perché contiene tante verità. La legge dello Stato, ma ancora molto di più quella morale, vanno osservate gradite o sgradite che siano. Come scrive il profeta Abacuc, ripreso nell’Epistola di San Paolo ai Romani: “Il giusto vivrà per la sua fede”. Una fede sana e santa deve distinguersi per la sua coerenza, chi crede deve pagare di persona . Giobbe e tutta la Bibbia ci insegnano che il nostro amore per Dio e la nostra ubbidienza devono prescindere dalla convenienza. È il sacrificio accolto che garantisce la validità delle convinzioni. Ed ancora, quanto male può essere fatto per odio e per vendetta. Cristianesimo come dice Don Orione: “Fate del bene sempre, a tutti; del male mai, a nessuno”. L’odio, la vendetta, quante malefiche alleanze realizzano nelle famiglie, nei partiti politici, nei luoghi di lavoro. Quanto più facile è affermare la guerra santa dell’islam, piuttosto del perdono e della pace di Gesù. È impossibile che le “corna” facciano piacere, tutt’altro! Eppure l’amore e il perdono da quanto male hanno salvato, sovente hanno portato, non subito, una felicità grande, un amore più sicuro, più profondo e più vero.

Renzo Mattei

_____________________________
22/6 - PERDITE BANCARIE: Siccome le banche hanno tanti insoluti. In pratica, tanti crediti non riscuotibili; quindi delle perdite. il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan sta studiando come far pagare queste perdite agli italiani. Un provvedimento consisterebbe nella svalutazione dei crediti del 70- 80% nell'arco di cinque anni di modo che le banche avendo più costi pagherebbero meno imposte. L'altra ipotesi sarebbe la svalutazione dei crediti insoluti non in cinque anni ma in un solo anno.
Nella Repubblica fondata sul lavoro ma governata dai banchieri, le perdite delle banche le pagano gli altri.

22/6 - GUERRA FREDDA: Secondo il giornalista Franco Venturini, gli europei dovrebbero fare più attenzione al riarmo militare di Russia e Usa.
Se gli europei fossero più intelligenti farebbero una politica autonoma rispetto agli Usa e non ci sarebbe nessuna Guerra fredda. Fino a quando saremo succubi della politica americana andremo contro i nostri interessi e rischiamo uno scontro in Europa.
_____________________________

22/6 - UNIONI CIVILI: Domani si torna a trattare sui diritti civili per i gay. In commissione Giustizia del Senato ripende il dibattito sul disegno di legge sulle unioni civili per gli omosessuali, il cosiddetto ddl Cirinnà, dal nome della senatrice, relatrice del provvedimento. Il presidente di commissione, Francesco Nitto Paola (Fi) ha detto di aver tagliato più di milleduecento emendamenti dei duemila presentati. Molti di questi emendamenti sono presentati dall'Ncd e svariate centinaia dal senatore Carlo Giovanardi. Nel Pd, tranne qualche ex democristiano, i parlamentari sono tutti schierati per le unioni civili. Anche in Fi vi sono specialmente donne favorevoli alle unioni gay
Dopo il successo del Family day, la sinistra Pd ha il dente avvelenato e vuole accelerare i tempi. La Chiesa di Francesco tende al dialogo e quindi non fa nessuna battaglia. La destra conduce la battaglia politica contro il ddl Cirinnà senza molto impegno così il rischio di una approvazione delle unioni civili gay con realitivi uteri in affitto è cosa quasi certa.
_ ______________________________
23/6 - GRECIA: Un giorno sì e un giorno no si parla del possibile accordo per evitare il fallimento della Grecia. Oggi sono ottimisti e le Borse tutte in rialzo.
Per saperne di più attendiamo che lo spoglio della margherita sia completo. A volte anche gli imbroglioni, per sbaglio fanno la cosa giusta.

23/6 - ROMA: Il sindaco di Roma Ignazio Marino, tiene duro non vuole lasciare spontaneamente la sua poltrona. Allora Renzi, facendo finta di niente fa in modo che alcuni membri della giunta capitolina diano le dimissioni.
Per il Pd, il sindaco Marino fa perdere consensi; così vi è una lotta sotterranea per cacciarlo. Marino però, ci tiene alla poltrona.
_______________________________

23/6 - VALDESI: Il Papa è andato in un locale valdese ha chiedere perdono per quanto è avvenuto in passato. Facciamo una breve storia del movimento valdese. Pietro Valdo fondò un movimento pauperista che in un primo tempo era in linea con la Chiesa cattolica. Infatti, quando fu convocato a Lione un Sinodo ad opera del cardinale Enrico di Marcy, Valdo ed i suoi seguaci dichiararono completa fedeltà alla Chiesa cattolica e denunciarono gli errori dei catari. Tuttavia la pretesa di leggere ed interpretare liberamente le scritture e predicare non fu ritenuto ammissibile sia per la loro scarsa preparazione che per la troppo libera interpretazione. I valdesi nonostante il divieto continuarono a predicare e nel 1184 a Verona, con la bolla Ad abolendam, papa Lucio III scomunicò una serie di movimenti ritenuti ereticali anche molto diversi tra loro, tra cui i poveri di Lione, i valdesi. La motivazione per tale scomunica rimase la "presunzione" dei valdesi a voler predicare in pubblico. Nonostante la condanna papale. All’epoca tutti i movimenti ereticali erano contemporaneamente contrari alla religione e nemici dello Stato. In questo senso venivano osteggiati come accadde per tutti i movimenti ereticali. L'Inquisizione non riuscirà mai a spegnere il focolaio valdese nonostante la durissima repressione. Nel 1848 Carlo Alberto autorizzò il libero esercizio ai valdesi della loro religione nonostante la opposizione manifesta di San Giovanni Bosco che in più occasioni, rischiò aggressioni da parte di massoni e valdesi. Attualmente, i valdesi si sono sempre impegnati per favorire la piena laicità dello stato. La comunità valdese si è pronunciata in senso fortemente contrario all'esposizione del crocifisso, e più in generale di ogni simbolo religioso, in luoghi pubblici. Per quanto riguarda i "temi etici", i valdesi hanno sempre favorito il dibattito su temi quali omosessualità, aborto, testamento biologico ed eutanasia. Si è anche detta molto favorevole ai registri per il testamento biologico, che in molte città sono gestiti dalle comunità valdesi. La benedizione delle coppie omoaffettive è stata approvata da un ordine del giorno del sinodo della Chiesa valdese il 26 agosto 2010.
In pratica i valdesi sono sulla sponda opposta al cattolicesimo. Agiscono in modo che i principi cristiani vengano cancellati dalla nostra società. Andare nelle loro organizzazioni e chiedere perdono vuol dire che quello che stanno facendo sia cosa buona e giusta mentre è perfettamente in linea con le intenzioni sataniche del nichilismo massonico.(illustrazione: simbolo valdese)
________________________________

24/6 - IMMIGRAZIONE: Si dice che vi siano nel mondo 60 milioni di persone pronte a trasferirsi nei Paesi ritenuti più ricchi e con migliori condizioni di vita. Questo sarebbe un fenomeno mondiale dal quale non possiamo fare a meno di essere coinvolti. Addirittura, secondo alcuni, il fenomeno della immigrazione è cosa inevitabile e noi non possiamo fare altro che adattarsi. Per il giornalista del Corriere della Sera, Ernesto Galli della Loggia "dobbiamo smetterla di lamentarci di questi arrivi; anzi dobbiamo considerarli una risorsa. Tenuto conto dei nostri limiti demografici, in pratica non facciamo figli, quindi gli immigrati sono necessari per mantenere un livello produttivo adeguato. Lasciando perdere le chiacchiere insensate sul multiculturalismo, dobbiamo pensare seriamente ad una integrazione di questi nuovi arrivati".
In una condizione normale; cioé in caso di un Paese in crescita, è possibile assorbire ed integrare facilmente un certo numero di immigrati. Nelle condizioni di crisi come quella attuale, il numero di soggetti che possono essere accettati è molto modesto. In un Paese dove ci sono milioni di poveri importare altri poveri si rende ancora più instabile il Paese. Se poi nella massa di immigrati esistono gruppi con cultura, religione e costumi diversi dai nostri diventano un ulteriore problema per la convivenza pacifica. In conclusione: dobbiamo non valutare questioni di principio ma quanti sono gli individui che possiamo accogliere ed integrare? qual è il costo di questa operazione? Quale è l'impatto sociale di questi nuovi arrivi? Se sapremo rispondere razionalmente almeno a questi tre quesiti potremo stabilire quanti possono essere gli immigrati che possiamo accettare.
____________________________
24/6 - OSTAGGI: Per la prima volta gli Usa ammettono che si possa pagare un riscatto per salvare gli ostaggi. Le famiglie che tenteranno di salvare i propri cari non saranno più perseguite per legge.
Gli Usa nel caso di ostaggi che contano avrebbero pagato anche prima. Adesso, acconsentano che si paghi il riscatto anche per le persone che non contano.

24/6 - WIKILEAKS: Julian Assange, il titolare del sito Wikileaks che aveva in passato pubblicato migliaia di file segreti delle diplomazie internazionali e che vive adesso come "prigioniero" nell'Ambasciata dell 'Ecuador a Londra inseguito da un mandato di cattura svedese per "stupro", è ritornato all'onore della ribalta pubblicando altri file dai quali risulta che tre presidenti francesi erano spiati dalla Nsa (lo spionaggio Usa). La notizia ha suscitato irritazione in Francia ed imbarazzo negli Usa.
Gli Usa non si fidano dei francesi, anche i francesi farebbero bene a fare lo stesso.
____________________________

25/6 - UTERI IN AFFITTO: Per la legge 40 del 2004 la maternità surrogata è vietata. Per la Corte costituzionale e la Cassazione idem. Ma sempre più giudici stanno assolvendo chi trova una scappatoia: scappando all'estero, giustappunto, e affintando un utero là dove le leggi glielo consentono. Il resto è tutto in discesa: una volta rientrato in Italia con il bimbo lo si fa iscrivere all'anagrafe come figlio proprio. E se qualche Procura si sognerà di indagare, penserà poi un giudice a liberare da ogni impiccio. L'ultimo caso risale a qualche giorno fa : la Corte d'Appello di Trieste ha assolto una coppia che aveva fatto ricorso alla maternità surrogata nella lontana Ucraina. L'uomo 71 anni lei 58 hanno ottenuto un bimbo utilizzando i gameti dell'uomo, gli ovociti di un'altra donna e dopo la fecondazione la gravidanza ed il parto da una terza donna. La coppia italiana era infatti accusata di aver dichiarato come proprio un figlio generato e partorito da altri. Il pm Lucia Baldovin ha impugnato la sentenza davanti alla Cassazione che dovrà decidere in merito.
Molti giudici più che applicare le leggi cercano di farle ed a forza di insistere ce le impongono.
____________________________
25/6 - BLOCCO DEI CONTRATTI: La Consulta ha accolto il ricorso dei sindacati per il blocco dei contratti agli statali. Il blocco è stato dichiarato illegittimo e la contrattazione deve essere ripresa solo con riferimento al presente. Il passato è salvo. Il governo, volendo pagare il meno possibile indica che gli aumenti devono essere fatti in base al merito.
La Corte costituzionale emana sentenze secondo delle regole improvvisate al momento. Il governo interpreta le sentenze nella maniera che ritiene più comoda. Così di certo non vi è nulla.

25/6 - RIMPATRI: Renzi dalla riunione con gli alti Stati europei non ha ottenuto nulla sulla questione immigrati. A questo punto Renzi ha detto: "Possiamo fare da soli" ed ha rilanciato l'idea di accelerare i rimpatri verso i Paesi d'origine dei migranti. Vi saranno otto voli charter al mese invece di quattro.
Con otto voli al mese, se tutto va bene, si riesce a mandare a casa quelli che arrivano in due giorni. Quindi, troviamo altra soluzione.
_____________________________________

26/6 - LA BUONA SCUOLA: Il Senato ha approvato con 159 voti a favore e 112 contrari il maxiemendamento interamente sostitutivo del disegno di legge di riforma del sistema nazionale di istruzione sul quale il governo aveva posto la fiducia. La legge che si intende approvare non è la riforma della scuola ma uno dei tanti interventi che correggono solo in parte il funzionamento scolastico senza indicare come deve essere la scuola e come devono essere preparati gli studenti e che tipi di individui devono uscire dalla scuola. Il Senato ha votato la fiducia al governo sul decreto della “Buona scuola” in cui è stato inserito un emendamento che apre all’introduzione dell’ideologia di genere nell’insegnamento curricolare di ogni ordine e grado. Per gli inventori del “gender”, in italiano “genere”, il sesso biologico sarebbe slegato dall’identità di un soggetto che si identifica invece nelle proprie preferenze sessuali indipendentemente da esso. E’ questo che i corsi “contro la violenza di genere” nelle scuole già insegnano. Corsi che ora diventeranno obbligatori. Ci chiediamo quindi: come può essere buona una scuola che convince i bambini che il sesso biologico è un dato non determinante allo sviluppo dell’identità, rendendola fragile oscillante e incerta, confondendoli gravemente e colpendoli nella loro innocenza?
Siamo arrivati al punto di insegnare che la devianza e la perversione sono cose normali ed auspicabili in soggetti che non sono in grado di affrontare il problema in maniera critica con grave pericolo per la loro condizione psichica. Un tempo si sarebbe detto che si vuole corrompere degli innocenti
_____________________________________
26/6 - OBAMACARE: La Corte Suprema degli Stati Uniti ha valutato che la riforma sanitaria voluta da Obama è costituzionale. Questa riforma permetterebbe ad alcuni milioni di usufruire della assistenza sanitaria che, altrimenti, non possono sostenere le spese assicurative.
Obama con la sua riforma sanitaria ha cercato di estendere l'assistenza a tutti senza che vi sia la ricerca spasmodica del profitto da parte del sistema sanitario-assicurativo.

26/6 - REATO DI TORTURA: L'Italia ha ratificato la convenzione con le Nazioni Unite contro la tortura ma non ha ancora introdotto nel proprio ordinamento il reato. Il ddl ora in discussione al Senato introduce il reato di tortura e anche l'istigazione a commettere tortura. Nel testo vengono raddoppiati i tempi per la prescrizione del reato.
Alcuni episodi non recenti sono stati funestati da esiti mortali. Individui presi in consegna da forze dell'ordine inspiegabilmente sono morti. Cose del genere non devono accadere. Si ritiene che questi soggetti che sono deceduti probabilmente non per tortura ma per maltrattamenti violenti. La normativa deve essere ben chiara per evitare che qualsiasi comportamento della polizia o dei carabinieri possa diventare oggetto di accusa col rischio che per evitare di essere accusati di tortura preferiscano nel dubbio, non far niente.
_______________________________

27/6 - ATTENTATI: Quasi ogni giorno si registrano attentati ma ieri si sono verificati tre atti terroristici che per la vicinanza di due e per il numero di morti hanno particolarmente colpito. E' ormai trascorso un anno da quando è stato proclamato il califfato ed il potenziale terroristico non è diminuito nonostante l'opera di contrasto dei nemici dell'Isis. In Tunisia nella città di Sousse un terrorista venuto dal mare ha ucciso a colpi di kalashnikov 38 turisti e ferito altrettanti prima di essere colpito dalla polizia. In Francia. a Saint Priest vicino a Lione un dipendente uccide il suo datore di lavoro, lo decapita, fotografa s stesso, la testa della vittima e la bandiera nera dei terroristi e poi, via internet la manda in Siria. In Kuwait, un terrorista è entrato in una moschea sciita e si è fatto esplodere provocando la morte di 25 persone ed il ferimento di altre 202.
Per capire come funziona il cervello bacato degli estremisti islamici basta pensare che si fanno propaganda facendo del male, uccidendo e terrorizzando. Non tutti gli islamici sono terroristi ma se si affermano Stati terroristi e consolidano il loro potere molti islamici moderati, visto i risultati vincenti, finirebbero per approvare questa linea estremista. Per questi motivi è necessario che queste organizzazioni terroristiche come l'Isis debbano essere sconfitte militarmente e cancellate dalla carta geografica.
_______________________________
27/6 - USA, NOZZE GAY: La sentenza della Corte Suprema apre la strada all'aprovazione dei matrimoni gay nell'intero Paese. Ieri la Corte ha emesso la propria sentenza con 5 giudici favorevoli e 4 contrari. Il voto decisivo è stato quello di Antony Kennedy che ha scritto : "Non era più possibile condannare gkuìi omosessuali a vivere nella solitudine esclusi da una delle istituzioni più antiche della nostra civiltà". Negli Usa vi sono 14 Stati che continuano a vietare i matrimoni gay , da adesso saranno costretti a riconoscerli ed anche a celebrarli. Questa viene considerata un'altra vittoria della Casa Bianca perché cvoluta da Obama che ha commentato la sentenza dicendo: "Ora siamo una unione migliore".
In nome della giustizia, della uguaglianza dei diritti individuali stiamo realizzando un modello di società sempre più corrotta. Di questo ci accorgeremo quando arriveranno i primi castighi.

27/6 - TRATTATIVE: Le trattative serrate per convincere la Grecia ad accettare le condizioni che la Germania, la Bce ed il Fmi voglion imporre, sembrano fallite. Il primo ministro Tsipras ha ritirato la sua delegazione dalle trattative ed ha dichiarato che vi sarà un referendum al quale i greci saranno chiamati a rispondere con un si o un no all'accettazione dei gravosi sacrifici economici e fiscali per ottenere l'aiuto finanziario. Il non pagamento della prossima rata di un miliardo e mezzo di euro al Fmi, potrebbe sancire il fallimento della Grecia.
Tutti i giornali agli ordini dell'alta finanza mirano a creare il panico tra la gente se la Grecia dovesse abbandonare l'euro. Il problema è sempre lo stesso, se non si cambia il modello di finanziamento dei debiti degli Stati, rimaniamo sempre sotto il ricatto della speculazione. Adesso tocca alla Grecia poi potrebbe toccare all'Italia.
_______________________________

28/6 - BANCOMAT: I greci da giorni ritirano i loro risparmi dalle banche. Le banche adesso sono chiuse e si formano lunghe code davanti ai bancomat. Le disposizioni prevedono che ogni cittadino che ha un conto in banca possa prelevare non più di 60 euro al giorno. Per tutta la settimana fino alla data del referendum, le banche resteranno chiuse. La Grecia da quando è iniziata la crisi del debito ha eseguito tutti gli ordini che le venivano imposti dalla cosiddetta Troika (Ue, Bce, Fmi) ma le cose sono sempre peggiorate. Crisi economica più profonda, disoccupazione in aumento, riduzione delle pensioni e degli stipendi, aumento del numero dei poveri. Il debito della Grecia è aumentato dal 104% al 187% del Prodotto interno lordo (Pil). Dalle trattative con i creditori adesso interrotte, vi era la pretesa di imporre alla Grecia ulteriori sacrifici per ottenere in cambio altri aiuti finanziari. A questo punto, il governo greco che è stato eletto perché prometteva la fine dell'austerità, ha deciso di non accettare queste ulteriori imposizioni, ha sospeso la trattativa ed invitato il popolo a decidere con un referendum la scelta: restare nell'euro oppure ritornare alla dracma.
Questa Europa governata dai banchieri non piace per niente. Tutti i sacrifici che i Paesi con debiti elevati hanno fatto, Italia compresa, sono serviti non per ridurre il debito pubblico che di fatto da tutte le parti è aumentato ma per salvare le banche. Comunque vadano le cose, questo modello truffaldino ne esce indebolito.
_______________________________
28/6 - REFERENDUM: Da quando Tsipras ha annunciato che ci sarà un referendum dove il popolo potrà scegliere se accettare le condizioni che pongono gli organismi finanziari e la Ue oppure rifiutare questi impegni toppo gravosi, tutti i giornali gli altri mezzi di informazione, politici e rappresentanti delle istituzioni internazionali hanno deprecato la scelta e subito hanno iniziato opera di terrorismo nei confronti del popolo greco se dovesse rifiutare l'opera di strozzinaggio messo in atto da Ue, Bce e Fmi.
Siamo tutti democratici ma sulle cose che contano è meglio che il popolo non possa decidere. Se queste istitizioni sopra citate fossero oneste aiuterebbero la Grecia a rimanere nell'Euro oppure se la Grecia vuole uscire dovrebbero aiutarla a pagare il debito senza fare i soliti ricatti e minacce.

28/6 - GAY PRIDE: Dopo l'annuncio che gli Usa con sentenza della Corte Suprema i matrimoni gay diventeranno legali in tutti gli Stati, anche in Italia vi sono state masnifestazioni per chiedere che anche qui vi siano matrimoni gay. Tutti i mezzi di informazione hanno pubblicizzato queste manifestazioni.
San Paolo, nella Lettera ai Romani aveva preannunciato che sarebbero accadute queste cose: uomini ch vanno con uomini e donne con donne ovviamente biasimando questo comportamento. Siccome non lo dice quasi nessuno, ricordiamo che il peccato contro natura è mortale. Chi non si pente in tempo finice all'Inferno.
_______________________________

ANNOTAZIONE
LE DUE CHIESE
La prima chiesa, che il sociologo Marzano definisce “progressista o conciliare”, è quella che “/può finalmente rialzare la testa grazie a un pontefice che mette al centro dei suoi interventi molti dei temi e delle sensibilità che da tempo contraddistinguono il progressismo cattolico (…) La spinta che viene dagli interventi in questa direzione è talmente forte che oggi il pontefice è divenuto di fatto la voce più ascoltata della sinistra mondiale/”; la seconda, chiesa è quella accorsa a piazza San Giovanni. “Il Fatto” la definisce “/la destra bigotta/”, mentre Alberto Melloni la considera “un “/pezzo di cattolicesimo militante/” composto da “/quei cattolici, convinti che la famiglia sotto attacco sia quella di «mamme e papà»: che il magistero ecclesiastico un tempo chiamava «sposi» se uniti dal sacramento o «pubblici concubini» se sposati in municipio. (…) Come se l’inevitabile mutare dei costumi chiamasse la Chiesa a battersi nell’arena della legislazione e non a battersi il petto leggendo il Vangelo/” (“Corriere della Sera” 18 giugno).

Secondo il sociologo non cattolico vi sarebbero due Chiese ma noi riteniamo più esatto parlare di due schieramenti nell’ambito della Chiesa cattolica: i tradizionalisti e i progressisti. I tradizionalisti ritengono che il cattolicesimo sia quello di sempre e vorrebbero che il mondo si uniformasse all’etica cristiana. I progressisti invece tendono a dare molto peso ai mutamenti del mondo, considerano alcuni aspetti dottrinali superati e cercano di adattare il cristianesimo all’etica mondana.
_______________________________

SE IL PREMIER E’ PAROLAIO
PER L’ITALIA E’ VERO GUAIO

Fa l’elogio di se stesso
ma il popolo non è fesso,
è la solita narrazione
che non ha conclusione.
Lui promette mari e monti
ma l’Europa non fa sconti.
Vuole abolire le province
ma la cosa non convince.
Poi cancella il Senato
ma vien solo riformato.
Ferma già l’immigrazione
ma è solo pia illusione.
E l’Europa fa marameo,
alle quote del Matteo.
Nonostante i sacrifici,
non si hanno benefici.
Aumenta il debito e le tasse,
sempre vuote son le casse.
Ubbidisce ai banchieri,
sia italiani che stranieri.
Per il resto degli italiani,
senza Renzi, sia il domani.

_______________________________
ULTIMA ORA: UNIONI CIVILI - Renzi ha promesso che varerà a breve una norma per regolarizzare le unioni civili.
Quando Renzi promette qualcosa di negativo lo prendiamo molto sul serio.
_______________________________
IL LIBRO DELLA SETTIMANA

LA TEORIA DEL GENDER
E l'origine dell'omosessualità
di Tony Anatrella
Ed. San Paolo - € 13,60
Le parole di mons. Tony Anatrella, sabato 15 0ttobre a Brescia, meritano di essere ricordate a lungo. «Non abbiate paura di combattere l’ideologia del gender, che sarà il tormentone del secolo, anche se troverete opposizioni e ostilità, e soprattutto timore anche all’interno della Chiesa. Siate una minoranza profetica, mons. Anatrella, dall’incitamento a sollevare il velo di silenzio e di ipocrisia che attanaglia il mondo delle diocesi e delle parrocchie sull’ideologia di genere, che ha preso il posto del marxismo e che, come fece quest’ultimo nel secolo scorso, continua a penetrare oggi nel corpo sociale e in quello ecclesiale, senza che i pastori e gli uomini di cultura se ne rendano conto e predispongano un’adeguata reazione culturale. L’ideologia di genere è presente in mezzo a noi da ormai cinquant’anni e il Magistero della Chiesa ha prodotto l’importante Lettera della Congregazione sulla dottrina della fede sulla collaborazione fra l’uomo e la donna già sette anni fa (31 maggio 2004) così come i principali dicasteri vaticani se ne occupano da decenni. Ciononostante, il tema fatica ad essere messo nelle agende dei piani pastorali, raramente vengono organizzati convegni o conferenze sul tema nelle diverse diocesi, insomma si continua a percepire molta ignoranza o molta paura. L’unica via capace di esprimere la complementarietà dei sessi, perché solo attraverso l’unione fra l’uomo e la donna nel matrimonio si può portare a compimento la complementarietà dei sessi, voluta da Dio ed espressa nella creazione del maschio e della femmina («maschio e femmina li creò»). Mons. Anatrella ha anche voluto descrivere il problema rappresentato dalla diffusione dell’omosessualità, una piaga che colpisce soprattutto i giovani, una condizione di disagio che può essere superata, anche con la psicoterapia, ma che spesso non si vuole affrontare. L’autore polemizza con le numerose lobby che spingono i governi, sotto la pressione delle diverse agenzie dell’ONU e dei mass-media, quasi tutti allineati sul pensiero unico, a legalizzare le unioni omosessuali e la possibilità di adottare dei figli da parte di coppie omosessuali: «I Paesi occidentali commettono un grave errore […] ammettendo nel nucleo centrale della legge, la coesistenza di una contraddizione sul senso della coppia, del matrimonio, della famiglia». Il libro analizza gli effetti distruttivi prodotti sul corpo sociale dalle cattive leggi: ha riportato dati inquietanti relativi al divorzio in Europa, ricordando come nel periodo 1998-2008 si sono conclusi 10,5 milioni divorzi nei 27 paesi dell’Unione europea, che hanno coinvolto 14,5 milioni di bambini, e contemporaneamente ha messo in evidenza il calo di matrimoni, per cui nel 2008 ci sono stati 725mila matrimoni in meno rispetto al 1980, ma 334mila divorzi in più: ci stiamo così avvicinando al rapporto di un divorzio ogni due matrimoni ogni anno (1milione di divorzi ogni 2,3 milioni di matrimoni). Anatrella ha così messo in evidenza, dati alla mano, come si sia passati dalla guerra fra le classi a quella fra i sessi, in nome di una ideologia che nega l’esistenza di una natura umana, perché l’uomo sarebbe unicamente il prodotto della cultura e quindi la mascolinità e la femminilità «non sono che costruzioni sociali», espresse dal contesto sociale di un periodo della storia. Pur insistendo sulla drammaticità della situazione, mons. Anatrella ha concluso con un richiamo a darsi da fare e a sperare, ricordando che il marxismo è stato sconfitto proprio perché ci sono state minoranze che hanno saputo resistere al clima di omologazione culturale dell’epoca. Così anche l’ideologia di genere potrà essere superata, se vi saranno delle minoranze che supereranno la paura e sapranno offrire il loro tempo a una nuova evangelizzazione che sappia mostrare l’errore di questa nuova «eresia antropologica».
_______________________________
LA MIGLIORE DELLA SETTIMANA

CHE SIA UNA BUONA IDEA!


























Vignetta di Bruno Bozzetto - Corriere della Sera 21/6/15

___________________________________